Compito del consulente: individuare i trend di lungo periodo

11/08/2022

Compito del consulente: individuare i trend di lungo periodo

La News

Sui mercati finanziari aleggia l’incertezza e gli investitori sono sempre più preoccupati che l’economia sia vicina a uno scenario di recessione.

 

Continuare ad investire in un contesto volatile e incerto non è facile. Per questo è necessario avvalersi di un consulente finanziario esperto che sappia cogliere la differenza tra rumori e segnali e individuare le nuove tendenze di lungo termine. Così spiega il professor Paolo Legrenzi, contributor di GAM Investments.

 

Una delle notizie più rilevanti nell’ultimo periodo è la risalita del dollaro, che ha quasi raggiunto la parità con l’euro. Questo traguardo era prevedibile grazie a tre fattori: i tassi erano a zero; i tassi si sarebbero risollevati più rapidamente dove l’economia sarebbe andata relativamente meglio e il dollaro e franco svizzero si sono rinforzati rispetto a euro e sterlina. Secondo Legrenzi, tutte queste tendenze a lungo termine erano prevedibili.

 

Tuttavia, il quesito principale che si pongono gli investitori è come mai non si riescono spesso a cogliere le tendenze a lungo termine né i punti di rottura, quelli cioè di non ritorno. “Il fatto è che i segnali che permettono di vedere le tendenze a lungo termine sono offuscati dal rumore delle incessanti, ingombranti e confondenti notizie”, spiega Legrenzi.

 

Questa difficoltà a separare rumori e segnali è stata rilevata la prima volta da Jack Treynor, professore di finanza all’Università di California, in un lavoro pubblicato sul Financial Analyst Journal nel numero di maggio-giugno 1987.

 

Treynor presenta agli studenti un’anfora trasparente contenente 810 fagioli. Chiede a ciascun studente, separatamente dagli altri, di stimare quanti fagioli ci sono nell’anfora. C’è grande varianza nelle risposte, solo due studenti su 45 si avvicinano al numero giusto e la stima media è 841. Ci sono errori per difetto e errori per eccesso e le stime, se date separatamente da ciascun studente, e cioè all’insaputa l’uno dall’altro, si compensano nelle deviazioni. Cosicché la media non è così lontana dalla risposta esatta.

 

Sostanzialmente, Treynor, confrontando i risultati del suo studio con quello condotto da altri gruppi di studenti, arriva alla conclusione che le informazioni in più confondono invece di aiutare. Legrenzi sostiene che “quando sui mercati c’è molto rumore e incertezza, come in questo contesto di cambiamento delle politiche delle banche centrali e di tensioni geopolitiche persistenti, le previsioni degli analisti si disperdono e l’esercizio della previsione confonde invece di aiutare.

 

In conclusione, secondo il professor Legrenzi, in uno scenario in cui domina sempre di più l’incertezza, che a sua volta alimenta la differenza delle aspettative, è fondamentale l’aiuto di un consulente finanziario esperto che sappia accompagnare l’investitore, amareggiato e preoccupato dal flusso di notizie negative e contradditorie trasmesse dai media.

Visita il corner
GAM è una delle maggiori società mondiali indipendenti dedicate esclusivamente alla gestione patrimoniale.
Scopri di più
Le nostre ultime pubblicazioni
  • immobiliare-cina.jpg
    Immobiliare cinese: prospettive e impatti su Pil e mercati
  • lente.jpg
    Con l’inflazione è tempo di rivedere il portafoglio
  • mano-grafico3.jpg
    I rischi degli investimenti “fai da te”