Cina e Stati Uniti definiscono il futuro dell’economia globale

12/05/2022

Cina e Stati Uniti definiscono il futuro dell’economia globale

La News

Stati Uniti e Cina, le due superpotenze a livello mondiale, si studiano, si copiano in una sfida che nel tempo diventa ancora più tesa e al contempo affascinante. Alla conferenza di T. Rowe Price "Torneremo quelli di prima?" Come la geopolitica sta dettando l’agenda economica globale”, al Salone del Risparmio 2022, si è discusso sui possibili impatti a medio lungo termine sugli assetti mondiali.

 

“Viviamo in uno scenario caratterizzato da importanti cambiamenti a livello tecnologico, politico e demografico, che influenzano la società in cui viviamo”, ha affermato Donato Savatteri, Country Head Southern Europe T.Rowe Price. “I rapporti tra Cina e Stati Uniti continueranno ad avere un impatto sull’andamento dell’economia globale”.

 

Federico Rampini, giornalista saggista opinionista economico finanziario sostiene che “la Cina è molto cambiata negli anni. Nel 2005 il paese era nel pieno del boom economico e la velocità della modernizzazione correva senza sosta. Dopo il 2008-09 la Cina è diventata molto superba, arrogante, non nasconde più di avere un progetto egemonico. Di fronte a questa evoluzione, bisogna raccontare ciò che accade nel paese in una maniera diversa”.

 

Cina e Stati Uniti continuano a essere in tensione, si studiano a vicenda per capire come migliorare. Non è più solo la Cina a copiare il modello dell’economia cinese, entrambi i paesi si osservano da lontano. La principale differenza tra i due è che gli Stati Uniti continuano ad essere un paese ricco di contraddizioni, mentre la Cina segue le proprie idee e va dritta per la sua strada”.

 

Per quanto riguarda la situazione in Europa, Rampini ha spiegato che “con l’avvio del conflitto in Ucraina l’Europa ha rischiato di fare una brutta fine. Tuttavia, si spera che questa guerra abbia aperto gli occhi e che abbia fatto riflettere i capi di Stato sull’importanza di agire. Non dobbiamo più pensare di essere sotto l’ala protettiva degli Stati Uniti, perché l’Europa deve imparare a correre da sola”, ha concluso.

Visita il corner
Un gestore patrimoniale globale focalizzato sul successo dei clienti.
Scopri di più
Le nostre ultime pubblicazioni
  • muraglia.jpg
    Cina, contesto favorevole per l’azionario
  • salvadanaio-scudo.jpg
    Gestione attiva per proteggersi dalla volatilità
  • 161272034_m.jpg
    Approccio flessibile e gestione attiva della duration