Per la maggior parte dei ricchi, il principale piacere della ricchezza consiste nello sfoggiarla. Adam Smith
avatar

12/07/2018

Forza del dollaro a doppia reazione: l'impatto sugli emergenti

di Advisor Professional

La News

Mercati emergenti più esposti al rallentamento dell’economia globale e al prosciugamento della liquidità in dollari sul mercato offshore. Quale impatto sui portafogli?

 

Come illustrato da Raphaël Gallardo, multi-asset Strategist di Natixis IM all'interno della Allocation Perspective di Luglio 2018, “stiamo passando ad una posizione neutrale sui mercati azionari”, con una preferenza per le azioni delle economie sviluppate rispetto a quelle più giovani. Nel caso di specie, ha aggiunto Gallardo, ”sottopesiamo le azioni emergenti”, maggiormente esposte agli effetti recessionistici del protezionismo statunitense sul commercio mondiale.

 

 

Il problema per gli emergenti

Se da un alto la forza del dollaro tende ad attutire il rallentamento economico globale (con l’eccezione degli Stati uniti), un biglietto verde più debole trasla i problemi dall’economia reale a quella finanziaria, specie per quanto riguarda il debito emergente denominato in valuta estera.

In termini di selezione geografica, tra le economie emergenti meno favorite da Natixis IM, l’America Latina occupa il primo posto, a causa del rischio politico in Brasile e Messico e dell’esposizione di quest’ultimo ad un possibile ritiro di Trump dall’accordo Nafta. Maglia nera anche all’Asia emergente, considerato che il business dei semiconduttori, preponderante a Taiwan e in Corea, risente negativamente della guerra commerciale (e tecnologica) in corso tra Stati Uniti e Cina.

 

 

Focus Cina

“Anche le azioni cinesi sono penalizzate dall’aumento del rischio di credito sistemico fra i maggiori emittenti societari cinesi (Anbang, HNA,…). Per tale motivo” ha proseguito Gallardo, “manteniamo un posizionamento neutrale nella regione EMEA".

"La Russia è stata esclusa dai finanziamenti internazionali in dollari fin dalla crisi della Crimea nel 2014 ed è stata quindi risparmiata dai deflussi di capitali che interessano oggi la maggior parte dei mercati emergenti. La relativa solidità della posizione della Russia verso l’estero compensa il rischio di un nuovo scivolone della lira turca e le difficoltà del sistema bancario in Turchia. Solo una pesante recessione, tuttavia, potrà essere in grado di ridurre il deficit delle partite correnti e soffocare l’inflazione".

 

 

Forza del dollaro a doppia reazione

Per contro, a differenza di quanto registrato sui mercati emergenti, la forza del dollaro sta imprimendo nuovo slancio alla competitività europea, anche a quella parte che conserva una propria valuta nazionale autonoma: “Abbiamo ridotto il sottopeso dell’Europa al di fuori dell’area euro, per poter beneficiare dell’orientamento difensivo di Regno Unito e Svizzera”.

Dal canto suo, la Cina dovrà lasciare che il renminbi si indebolisca per favorire un allentamento delle condizioni di liquidità interne. “Il rischio è che il deprezzamento della valuta cinese inneschi un nuovo deflusso di capitali, che richiederebbe un inasprimento della politica monetaria da parte della banca centrale”. Il calo dei tassi d’interesse in Cina potrebbe inoltre portare ad un rally (seppur modesto) del mercato dell’edilizia.

CONTENUTI CORRELATI:
  • Profitti in crescita per scacciare le paure sui dazi
    11/07/2018 Profitti in crescita per scacciare le paure sui dazi È in corso negli Stati Uniti la comunicazione degli utili aziendali per il 2°trimestre. Negli ultimi mesi gli analisti hanno continuato a rivedere al rialzo le stime, segnalando un’elevata fiducia nella redditività delle aziende, nonostante le incertezze di natura commerciale...
  • Palcoscenico, scaletta, riflettori, 6 personaggi: di chi si tratta?
    11/07/2018 Palcoscenico, scaletta, riflettori, 6 personaggi: di chi si tratta? Un palcoscenico, una commedia, un gruppo di sei attori smarriti, incerti, lasciati incompiuti. Ed una richiesta: quella di essere ascoltati, di avere la possibilità di portare a termine il proprio lavoro per far conoscere al pubblico l’intera storia. E se i sei personaggi pirandelliani smarriti nel bel mezzo della scena fossero le sei principali banche centrali?
  • Fattori decisivi da qui a fine anno: palla ancora alle valute
    11/07/2018 Fattori decisivi da qui a fine anno: palla ancora alle valute Quali opportunità si intravedono nel futuro più o meno prossimo? Luke Newman, gestore di Janus Henderson Investors, ritiene che il 2018 possa rappresentare un periodo di forte volatilità di mercato. In tale contesto oscillazioni monetarie e sovra-indebitamento potrebbero fornire opportunità, specie per gli investitori azionari long/short.
DALLO STESSO PARTNER:
  • Prospettiva 2.jpg
    15/12/2018 L'Allocation Perspective di Natixis IM advisorprofessional Nuno Teixeira di Natixis IM offre una panoramica sulle principali asset class. Come dovrebbero essere interpretati i segnali della Fed? Il 2019 sarà l’anno della convergenza dei cicli economici? L’esperto risponderà a queste e altre domande per aiutare gli investitori nelle loro scelte.
  • wall street.jpg
    05/12/2018 10 anni dopo: il sentiment degli investitori advisorprofessional L'indagine condotta dal team di Natixis IM analizza la situazione a dieci anni dalla crisi finanziaria. Dalla ricerca emerge come, a dispetto del più lungo mercato rialzista di tutti i tempi, gli investitori si ritrovino coinvolti in tre riflessioni decisive.
  • Ambiente - Ghiaccio 2.jpg
    28/11/2018 ESG: servono azioni immediate advisorprofessional Gli esperti di Mirova, affiliata di Natixis IM, lanciano l’allarme: è il momento che gli investitori rivalutino l’impatto dei propri investimenti ESG. Qual è la proposta degli specialisti di Mirova?
  • Analisi.jpg
    16/11/2018 Dorval AM: tra approccio macroeconomico e stock picking advisorprofessional I fondi “Dorval Asset Management” di Natixis IM conciliano l'approccio macroeconomico con lo stock picking, per attuare una gestione patrimoniale ad alta convinzione che si scosta dai principali indici di mercato.