Il segreto del successo è quello di non possedere nulla, ma controllare tutto. Nelson Rockefeller
avatar

15/05/2019

Il punto di Schroders sul Regno Unito

di Alvise Cossutta

La News

La crescita economica britannica ha mostrato segnali di ripresa all’inizio di quest’anno, dopo aver rallentato notevolmente nell’ultimo trimestre del 2018. Gli esperti di Schroders si focalizzano soprattutto sulla crescita del Pil reale, aumentato dello 0,5% (t/t) nel primo trimestre del 2019, rispetto allo 0,2% registrato nei tre mesi precedenti.

Passando invece alla crescita è rimasta in linea con le aspettative trimestrali, ma è stata deludente a livello mensile, segnalando la perdita del momentum alla soglia del secondo trimestre. Dopo essere cresciuta dello 0,2% a febbraio, l’economia britannica ha infatti visto una contrazione dello 0,1% a marzo. Sembra che le scorte accumulate in vista della deadline iniziale prevista per Brexit abbiano causato un rialzo delle stime sul Pil, senza portare tuttavia a una crescita corrispondente della domanda finale. Le scorte permettono di assicurarsi che ci sarà un’offerta di beni continuativa in caso di disruption commerciale, ma anche se questa non dovesse occorrere, si arriverà necessariamente a una riduzione delle scorte ad un certo punto. È probabile che ciò porterà a un rallentamento per l’economia. L’accumulo delle scorte ha portato a una brusca impennata delle importazioni nel corso del trimestre, con un conseguente aumento del deficit britannico al 3,4% rispetto al Pil – il deficit trimestrale più ampio almeno dal 1992. Questo peggioramento a livello commerciale potrebbe persistere ancora, dato che le incertezze legate a Brexit continuano, tuttavia dovremmo assistere ad un’inversione della capacità di scorta, al venir meno di tale incertezza. Entrando nel dettaglio dei dati sul Pil riguardanti le spese, si nota che il consumo delle famiglie è cresciuto di un solido 0,7% per il secondo trimestre consecutivo. Anche questo aspetto potrebbe essere influenzato dall’accumulo di scorte, cosa che non promette bene per la domanda futura. Dall’altro lato, dopo quattro trimestri di investimenti nel business in calo, le aziende hanno aumentato le spese di capitale dello 0,5% nei primi tre mesi del 2019. Nel frattempo, la spesa pubblica è cresciuta dell’1,4% – l’incremento trimestrale più elevato negli ultimi 5 anni. Nel complesso, sebbene i dati sulla crescita possano apparire positivi, i fattori che li hanno determinati sono probabilmente insostenibili. Per tale motivo gli esperti di Schroders si aspettano che l’economia rallenti nei prossimi trimestri, con il persistere dell’incertezza sulla Brexit. Ciò dovrebbe far rimanere cauti – quindi fermi – i policymaker fiscali e monetari, probabilmente fino al prossimo anno.

 

CONTENUTI CORRELATI:
  • Amundi AM: ci sono opportunità nei mercati obbligazionari emergenti?
    15/05/2019 Amundi AM: ci sono opportunità nei mercati obbligazionari emergenti? Il principale fattore di rendimento delle obbligazioni dei mercati emergenti quest'anno è stato il carry e il restringimento degli spread. Tuttavia, dopo una buona performance delle attività finanziarie emergenti da inizio anno, le valutazioni sono diventate meno interessanti. Come muoversi nei prossimi mesi?
  • Inflazione: Ostinatamente bassa
    15/05/2019 Inflazione: Ostinatamente bassa Nell’analizzare l’inflazione, la misura preferita della Fed è l’indice PCE Core, che per i 12 mesi terminanti a febbraio e a marzo si è attestato rispettivamente all’1,7% e all’1,6%, ben al di sotto dell’obiettivo della Banca centrale del 2%. Bisogna preoccuparsi?
  • Rovelli: "ecco perché il 2019 non sarà un 2018 bis"
    14/05/2019 Rovelli: "ecco perché il 2019 non sarà un 2018 bis" L'ultima settimana ha visto la prima e la più importante correzione sugli asset rischiosi da inizio anno. La ragione di questo movimento a ribasso ovviamente è da ricondurre al ritorno delle tensioni geopolitiche globali e, in particolare, all'imposizione di nuovi dazi da parte degli Stati Uniti sulle importazioni dalla Cina. Cosa accadrà ora?
DALLO STESSO PARTNER:
  • Mano alzata.jpg
    23/05/2019 "La so io", 3 risposte, per 3 domande, in un'immagine a cura di Schroders advisorprofessional Perché gli ultimi avvenimenti in Turchia e Argentina non rappresentano un rischio per altri mercati emergenti? Perché una ripresa della crescita del Regno Unito potrebbe rivelarsi un falso allarme? Come si ripartisce, a colpo d’occhio, l’economia mondiale in base al PIL? La risposta a queste tre domande nell’infografica di Schroders!
  • New York 2.jpg
    21/05/2019 Prezzi alti? Ecco dove investire advisorprofessional Duncan Lamont - Head of Research and Analytics di Schroders- analizza i mercati azionari globali dopo i rally del primo trimestre. Il primo trimestre del 2019 è stato molto positivo sui mercati: le azioni giapponesi hanno segnato un ottimo +8%, mentre il Vecchio Continente e gli Emergenti sono cresciuti circa del 10%, senza contare gli Stati Uniti, in grado di registrare una crescita del 14%. Il problema? Quando le cose vanno bene i prezzi aumentano...
  • sos.jpg
    13/05/2019 Volatilità: rischio contagio? advisorprofessional Turchia ed Argentina tornano a preoccupare i mercati. Ad impensierire gli investitori è soprattutto la volatilità valutaria che stanno vivendo i due Paesi, cui bisogna sommare la possibilità di una prossima recessione a stelle e strisce. Tale accresciuta volatilità potrà espandersi anche nelle altre realtà emergenti?