Ogni fallimento è semplicemente un'opportunità per diventare più intelligente. Henry Ford
avatar

11/02/2019

Sanità al cambio di paradigma: pronti a farvi “installare” un sensore?

di Advisor Professional

La News

Negli ultimi anni, nel quadro politico internazionale sembra delinearsi uno scenario in cui le nazioni si stanno progressivamente allontanando. Nell’era della connettività, in cui la teoria dei sei gradi di separazione sembra più vera che mai, si tratta di un netto cambiamento di rotta. Nonostante questo scenario multipolare, vi sono diverse sfide globali comuni da affrontare. Il team di Credit Suisse AM pensa che saranno due, più di ogni altre, le  sfide dei prossimi anni:

  1. La crescita nei costi della sanità;
  2. Lo sviluppo demografico di una popolazione che invecchia.

Come intuibile le due sfide sono strettamente collegate, dal momento che l'invecchiamento della popolazione è destinato ad amplificare la questione dei costi sanitari. Pertanto, per garantire elevati standard di qualità e la sostenibilità del sistema sanitario, sarà necessaria un’innovazione significativa. In questo Thematic Insight gli esperti di Credit Suisse AM analizzano in che modo la salute digitale potrebbe determinare un cambiamento positivo. Cosa significa? Gli esperti evidenzieranno l’incisività dei sensori che, probabilmente, innescheranno un cambiamento di paradigma nell'attuale sistema sanitario.

 

Il cambio di paradigma  

Il sistema sanitario è, attualmente, una macchina imperfetta. Le lunghe liste d’attesa costringono molti pazienti ad aspettare giorni, se non settimane o mesi, per ottenere una visita specialistica. Se si considera che negli Stati Uniti, in media, ogni persona si reca dal suo medico 4 volte all'anno, per un totale di 1,3 miliardi di visite all'anno e in alcuni casi, dopo la consulenza del vostro medico, sono necessarie visite di controllo per monitorare la reazione alla terapia, ci si rende conto della necessità di alternative più snelle e meno “time spending” rispetto alle visite tradizionali. Supponiamo allora che i parametri valutati dal vostro medico possano essere monitorati da sensori indossabili con una frequenza molto più alta e che il vostro medico possa accedere a tali dati da remoto. I vantaggi? Il team di Credit Suisse AM ne individua 3:

  1. Ottenere un insieme di dati più vasto su cui si basa la consulenza;
  2. Visto chele informazioni sono prontamente disponibili è possibile (in alcuni casi) evitare lo spostamento fisico;
  3. Il vostro medico sarebbe in grado di monitorare l'evoluzione della reazione del vostro organismo da remoto.

In altre parole, l'utilizzo di sensori può rappresentare una svolta rivoluzionaria per i sistemi sanitari.

 

Il funzionamento dei sensori

Ma come opererebbero, in pratica, tali sensori? Il sistema di sensori ideale verrebbe applicato in un dato momento e, successivamente, misurerebbe costantemente e riporterebbe in modalità wireless tutte le informazioni relative alla salute. Non limiterebbe né condizionerebbe il suo utente in alcun modo e non richiederebbe manutenzione. Per quanto si tratti di una meta ambiziosa, il divario tra l'attuale tecnologia e questo obiettivo si riduce costantemente. A seconda delle necessità, spiegano gli specialisti di Credit Suisse AM, i sensori possono variare finendo per: fornire un monitoraggio costante del glucosio (biosensori), analizzare la corretta gestione dei fluidi chirurgici (sensori di pressione), misurare i livelli di ossigeno nei muscoli, (ottimizzare le performance). Attualmente, molti degli attuali sensori per la salute digitale che sono stati adottati su ampia scala sono percepiti principalmente come prodotti lifestyle o oggetti da indossare. Un esempio tipico è l’utilizzo di Microsoft Kinect nella riabilitazione fisioterapica per i pazienti colpiti da ictus o Fitbit®, con i suoi 25 milioni di utenti11 alla fine del 2017. 

 

Problematiche e rischi

Come intuitivo le principali problematiche o rischi derivano da tre settori principali: sicurezza dei dati, normativa e sviluppo tecnico. 

  1. Sicurezza.  Sotto tale aspetto le problematiche sono amplificate da due fattori:  
  • I dati sanitari sono sensibili (ossia confidenziali) per definizione;
  • L’utilizzo di sistemi operativi mobili per raccogliere e trasmettere informazioni è soggetto a esfiltrazione di dati e malware.

L’industria dei sensori sanitari dovrà ricorrere al know-how del settore della sicurezza informatica per affrontare la questione della sicurezza dei dati. 

  1. Normativo. l'integrazione di questi dispositivi in meccanismi di rimborso e tutta la normativa relativa all’utilizzo e alla conservazione dei dati saranno fondamentali per la diffusione di massa dei sensori.
  2. Progressi tecnici. Questi  possono incrementare sensibilmente il valore dei sensori. Per esempio, i progressi nel settore della raccolta dell’energia possono incrementare in modo significativo l'autonomia energetica dei sensori, riducendo gli oneri di manutenzione e migliorando l’esperienza dell’utente.

 

  

CONTENUTI CORRELATI:
  • Mercati: debolezza temporanea dopo il rally
    11/02/2019 Mercati: debolezza temporanea dopo il rally Dopo un deciso rally nel mese di gennaio, gli asset rischiosi sono divenuti più volatili e hanno chiuso la settimana in ribasso dopo che Washington ha affermato che non c'era motivo per cui Donald Trump incontrasse Xi Jinping prima del primo marzo, deadline in cui le nuove tariffe entreranno in vigore...
  • Investire oggi: cosa può insegnarci il Gattopardo?
    08/02/2019 Investire oggi: cosa può insegnarci il Gattopardo? Uno dei romanzi più universalmente celebrati degli ultimi 200 anni è senza dubbio il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di lampedusa, ambientato durante il Risorgimento italiano in Sicilia. Mentre all'apparenza l'opera racconta la storia di una famiglia aristocratica che si fa strada tra gli sconvolgimenti sociali nel 1800, in realtà, ad un'analisi più attenta, si può notare come essa sia in grado di fornire spunti di riflessione molto interessanti su cosa significhi investire oggi...
  • GAM Systematic: ecco la nuova strategia di credito dinamica
    08/02/2019 GAM Systematic: ecco la nuova strategia di credito dinamica GAM Investments ha annunciato il lancio di una nuova strategia di credito dinamica sulla sua piattaforma GAM Systematic, il cui patrimonio gestito in strategie quantitative ammonta a 4,3 miliardi di dollari al 30 novembre 2018. Quali sono le caratteristiche del nuovo comparto?
DALLO STESSO PARTNER:
  • cs.jpg
    22/02/2019 Febbraio in pillole: Credit Suisse advisorprofessional Uno dei problemi principali di tutti i lavoratori è il tempo. Questo scarseggia ed è difficile compirmere in una giornata lavortiva la moltitudine di attività che si vorrebbero svolgere. Se questo vale praticamente in ogni professione è ancora più vero in quella del consulente finanziario, che, tra incontri con i clienti, roadshow e momenti di analisi e studio si ritrova spesso con l'acqua alla gola. Proprio per tale motivo serve una comunicazione puntuale e, soprattutto, sintetica, che in poche parole riesca a riassumere concetti più ampi. Abbiamo quindi riassunto gli approfondimenti del mese di febbraio di Credit Suisse in una presentazione che, in poche slide, esprime i principali punti di vista della casa svizzera.
  • selfie.jpg
    18/02/2019 Millennial: un "selfie" per comprenderne le scelte di investimento advisorprofessional Così come le generazioni che li hanno preceduti, i Millennial hanno caratteristiche proprie, che ne determinano le preferenze, gli interessi e le priorità. Essi considerano la loro mentalità come digitale, globale, attenta all'ambiente e alla società. Quali tipologie di aziende potranno beneficiare di tale, nuovo, scenario?
  • idea.jpg
    08/02/2019 Credit Suisse AM: La rivoluzione dell'indice advisorprofessional Il settore finanziario è stato teatro di tante novità negli ultimi anni. Elencarle tutte sarebbe complesso, per cui limitiamoci a citarne due e a vedere come la loro unione possa dar vita a una terzo cambiamento utile per gli investitori.