High Yield, il tasso variabile annulla il problema di duration

26/09/2022

High Yield, il tasso variabile annulla il problema di duration

La News

Il mercato obbligazionario high yield vanta ora rendimenti elevati, ma il rischio è chiaramente quello di un aumento dei fallimenti di queste società considerate “speculative” sulla scala dei rating delle principali agenzie.

Si tratta di un trade off ancora conveniente, oppure i rischi superano le opportunità?

 

“È probabile che i default aumenteranno a causa di un rallentamento economico e di una politica monetaria più stringente, tuttavia riteniamo che i tassi di default possano essere inferiori a quelli di recessioni precedenti - commenta James Tomlins, gestore per M&G Investments del fondo M&G (Lux) Global Floating Rate High Yield Fund - Questo è motivato dal fatto che molte aziende hanno iniziato questo periodo con bilanci più solidi e interest coverage ratio più alti a seguito del recupero post lockdown”.

 

In uno scenario di questo tipo, quindi, i titoli high yield a tasso variabile dovrebbero essere meglio posizionati rispetto agli stessi high yield ma a tasso fisso: il fatto di avere una cedola che si adegua all’andamento dei tassi rende queste obbligazioni praticamente a duration nulla.

 

“Il reddito che gli investitori ricevono dovrebbe muoversi in linea con i previsti rialzi dei tassi e anche proteggere il capitale investito all’origine attraverso l’assenza effettiva di rischio duration - conferma Tomlins - I titoli high yield a tasso variabile rappresentano un’asset class globale e il mercato è cresciuto in modo significativo negli ultimi anni, diventando più diversificato a livello sia di Paesi sia di settori.

Il nostro approccio di investimento si basa sulla ricerca di tipo bottom-up nel mercato del credito condotta su singole società quindi, più che l’allocazione geografica, per noi sono i fondamentali aziendali e le proprietà rischio-rendimento dell’emissione obbligazionaria a essere al centro dell’attenzione.

Il team di ricerca sul mercato del credito di M&G Investments è uno dei più grandi in Europa e ci permette di costruire il nostro approccio su un’analisi dettagliata e bottom-up delle singole aziende e delle obbligazioni in cui investiamo.

Al tempo stesso, la rotazione del nostro portafoglio è relativamente bassa perché di solito, quando acquistiamo, intendiamo mantenere l’obbligazione fino alla scadenza.

Tuttavia, cerchiamo anche di capitalizzare su qualsiasi evento di mercato potenzialmente favorevole che presenti opportunità di acquisto o vendita”.

 

Come vi muovete? “Tipicamente preferiamo investire in debito senior garantito rispetto agli equivalenti junior o non garantito perché tende a offrire tassi di recupero migliori in possibili scenari di default, una considerazione che è importante per il debito high yield.

Questo si è dimostrato vero in passato quando, a seguito del default dell’emittente, la nostra posizione senior garantita in un broker assicurativo britannico ha avuto un recupero prossimo al valore nominale, mentre il prezzo di un titolo senior non garantito, non presente nel nostro portafoglio, è sceso a una cifra sola”.

 

Un esempio del vostro approccio? “Nel 2020, nel momento di debolezza dei prezzi, abbiamo scelto di acquistare un gestore di pub nel Regno Unito perché abbiamo ritenuto ci fosse una forte domanda latente in previsione della riapertura dopo i lockdown, con protezione dalle perdite fornita dal grande portafoglio immobiliare dell’azienda e dallo status delle obbligazioni, senior garantite.

Il prezzo ha successivamente recuperato”.

Visita il corner
M&G si distingue per un approccio d'investimento a lungo termine basato su forti convinzioni.
Scopri di più
Le nostre ultime pubblicazioni
  • 10184055_m.jpg
    Costruire un portafoglio diversificato
  • 57982086_m.jpg
    Diversificare per superare le tempeste dei mercati
  • pozzi scuro.jpg
    Le Banche Centrali non sorprenderanno più