13/01/2022

I tre fattori che guidano l’inflazione

La News

Le ultime manovre di stimolo, poste in essere da governi e banche centrali, stanno ancora generando effetti sull'economia, sostenendo gli utili societari e i prezzi degli asset. La Fed ha annunciato un atteggiamento meno accomodante convinta ancora della necessità del proprio sostegno all'economia per il raggiungimento dei suoi obiettivi di inflazione media e di piena occupazione.

 

Secondo Jim Cielinski, Global Head of Fixed Income di Janus Henderson, nel breve termine l’inflazione peggiorerà prima di migliorare. Il Global Head of Fixed Income sostiene che ci siano tre fattori chiave necessari perché l’inflazione persista.

 

In primo luogo, la chiusura del divario di produzione. Un divario di produzione negativo indica capacità inutilizzata (ristagno) nell'economia. Un divario di produzione positivo si verifica quando l'economia cresce al di sopra dei trend e la domanda è molto elevata, contribuendo all'inflazione. In secondo luogo, occorrono salari più elevati. I salari dei lavoratori meno retribuiti e i salari minimi sono aumentati, e questo potrebbe incoraggiare i lavoratori nelle fasce salariali superiori a chiedere aumenti per mantenere le differenze salariali. In terzo luogo, la produzione di credito nel settore privato deve recuperare terreno: i consumatori più esuberanti devono aumentare i prestiti.

 

Cielinski prevede, nel complesso, che l'inflazione si placherà più avanti nel 2022, anche perché potrebbe generare le premesse del suo stesso declino, agendo come una tassa sui consumatori e limitando la domanda. Nel 2021, c’è stato un enorme rimbalzo degli utili aziendali, in quanto la distribuzione dei vaccini ha galvanizzato la ripresa economica. Nell’anno appena iniziato, però, i profitti e la crescita economica sono destinati a rallentare se non altro a causa di confronti più sfavorevoli anno su anno.

 

In tale scenario le autorità cinesi sono impegnate a ridefinire l'economia domando i livelli di debito (deleveraging), aumentando la concorrenza e appianando gli squilibri di ricchezza e, di conseguenza, la crescita economica in Cina potrebbe rallentare. Secondo il manager di JHI le dinamiche disinflazionistiche e deflazionistiche della tecnologia e della digitalizzazione rimarranno intatte, mentre i legami commerciali risolti riaccenderanno la concorrenza e le efficienze globali.

Le aziende continueranno a risanare i propri bilanci e i tassi di insolvenza nel segmento high yield resteranno contenutiNel nuovo anno le previsioni riguardano, anche, un aumento dell'offerta tra le obbligazioni di categoria ESG. Gli impegni ESG richiederanno molti finanziamenti e il reddito fisso giocherà un ruolo importante nel colmare il divario.

Visita il corner
Janus Henderson Investors è stata concepita per aiutare i nostri clienti a raggiungere gli obiettivi finanziari a lungo termine
Scopri di più
Le nostre ultime pubblicazioni
  • 52908219_m.jpg
    Inflazione e tassi favoriscono il tech
  • 11193766_m.jpg
    L’importanza di avere clientela femminile
  • orso-rosso.jpg
    Quattro elementi per superare il mercato Orso