01/12/2021

Inflazione: quando gli asset rendono di più

La News

L’attuale contesto di mercato è caratterizzato dall’ interazione tra le perturbazioni prodotte dalla pandemia, che persistono più di quanto inizialmente previsto, e l'accelerazione delle tendenze secolari. Nel 2021 l'inflazione ha registrato un'impennata globale con l'IPC USA che a luglio ha raggiunto un massimo del 5,4%, significativamente elevato rispetto alle serie storiche.

 

In tale scenario analisti, policymaker e investitori si stanno domandando se l’inflazione sarà solo temporanea o persisterà anche in futuro. Sia i consumatori sia gli operatori, almeno per il momento, tendono a considerare il fenomeno come persistente anche se le forze disinflazionistiche strutturali di lungo termine non sembrano né scomparse né invertite.

 

Da Fidelity International si aspettano che l'inflazione rimarrà in una posizione di equilibrio più elevata a causa di una serie di fattori, tra cui un'inflazione salariale più elevata, un'inflazione degli alloggi più elevata e obiettivi di sostenibilità. L'innovazione tecnologica, i cambiamenti demografici e la globalizzazione non si arresteranno ma il loro impatto dovrebbe essere monitorato nel caso in cui cambi il loro modo di influenzare le tendenze dei prezzi.

 

Le principali banche centrali, al momento, si trovano contemporaneamente di fronte alla prospettiva di un aumento dei prezzi e di un rallentamento della crescita e le loro reazioni giocheranno un ruolo importante nel determinare la direzione dell'inflazione. Dalla casa di gestione prevedono che la Federal Reserve punterà a privilegiare il trend di crescita, mantenendo i rendimenti reali a livelli estremamente depressi e ciò potrebbe provocare una risalita dell’inflazione per un certo periodo di tempo.

 

Ma quali sono le implicazioni dell’inflazione sui rendimenti degli asset?

I risultati dell’analisi degli asset USA negli ultimi 100 anni della casa di gestione dimostrano che la performance delle azioni e delle obbligazioni varia a seconda dei diversi regimi di inflazione. Azioni e obbligazioni realizzano in genere una performance migliore quando l'inflazione è in calo, mentre la principale deviazione da questa tendenza si verifica quando l'inflazione è "ridotta" e in aumento. In questo regime, le azioni sovraperformano sulla scia di un rimbalzo simultaneo di crescita economica, utili e valutazioni. Circa i rendimenti reali, invece, quanto più bassi sono i rendimenti reali tanto più alti sono in genere i rendimenti azionari, ad eccezione di quando anche l'inflazione risulta elevata e in aumento.

Visita il corner
Fidelity International è una delle principali società di gestione di fondi al mondo.
Scopri di più
Le nostre ultime pubblicazioni
  • dividendi.jpg
    Investire nei dividendi: le tre regole da seguire
  • 10741719_l.jpg
    Come posizionarsi su azioni e credito dopo la BCE
  • 57982086_m.jpg
    Le regole per diversificare e avere rendimenti meno volatili