11/06/2021

Debito immobiliare come private asset

di Advisor Professional

La News

Nel corso dell'ultimo decennio, le correlazioni tra le asset class tradizionali sono cresciute, soprattutto durante le fasi di maggiore volatilità. Allo stesso tempo i rendimenti delle varie classi di attivo, soprattutto quelle obbligazionarie, sono crollati, finendo in molti casi sottozero.

Due driver che hanno fatto aumentare esponenzialmente l'interesse per quelle aree di nicchia in grado di offrire fonti di rendimento genuinamente diversificate.

 

Un esempio è così rappresentato dallo slancio crescente dato ai private asset, e in particolare dal debito immobiliare. Che ha visto la progressiva ritirata dei finanziatori tradizionali e l’avvento di prestiti privati garantiti da immobili commerciali che sono così intervenuti per aiutare a colmare il crescente divario di finanziamento.

 

Ma cosa ha reso il debito immobiliare in particolare così competitivo?

“Innanzitutto, l'outlook di medio termine per il real estate è positivo spiega Natalie Howard, Head of Real Estate Debt di Schroders - I mercati hanno superato la crisi da Covid-19 con un tasso di ‘vacancy', cioè di spazi vacanti, ai minimi in molte aree.

Al momento non vediamo una crescita economica genuina, ma piuttosto un rimbalzo, e quindi la crescita degli affitti può essere debole. Tuttavia, ciò è controbilanciato da un'offerta nuova limitata, dovuta principalmente alla cautela legata alla pandemia, e le previsioni a cinque anni restano incoraggianti.

Il debito immobiliare può offrire agli investitori rendimenti attraenti, dovuto al flusso di reddito, più il premio di illiquidità, rispetto al debito corporate con ranking simili. Anche le caratteristiche in termini di rischio sono favorevoli rispetto a bond corporate ed equity”.

 

In caso di default, i creditori solitamente possono negoziare direttamente con i debitori, dato che i prestiti immobiliari solitamente vengono detenuti da uno o pochi investitori.

Questo fatto può dare un potere di negoziazione maggiore e permette di affrontare proattivamente i problemi prima che diventino rilevanti.

Quando un default non può essere evitato, i creditori possono in ogni caso rifarsi alle proprietà sottostanti e liquidare il collaterale per recuperare i propri prestiti.

 

“La protezione dai ribassi è fornita dall'immobile fisico, da un cuscinetto azionario significativo e da strutture di prestito solide. La sensibilità ai tassi di interesse, invece, è limitata dalle cedole variabili.

Infine, la correlazione con l'S&P 500 storicamente è stata negativa” conclude il manager di Schroders.