01/06/2021

Cina, il futuro del mercato post pandemia

di Advisor Professional

La News

Le rapide riaperture delle economie in occidente, grazie al progressivo allentamento della pandemia, stanno rapidamente riportando l’inflazione sui mercati. Inoltre, si prospetta il rischio di un cambio di passo da parte delle banche centrali verso un approccio meno accomodante. Secondo Fidelity International, queste dinamiche stanno ora impattando anche i mercati cinesi.

 

“L'aumento delle prospettive di crescita globale sta portando a un aumento dei rendimenti obbligazionari. In un ambiente in cui aumenta l'aspettativa di una crescita dei rendimenti obbligazionari, un certo livello di rotazione degli stili da growth a value è qualcosa di prevedibile”, ha spiegato Hyomi Jie, gestore del FF China Consumer Fund di Fidelity International, che rimane una forte sostenitrice del tema dei consumatori cinesi nel lungo periodo. Tuttavia, alla luce dello scenario macro e della rotazione del mercato, Jie è diventata più conservatrice nella gestione del portafoglio da fine febbraio/inizio marzo. Ha ridotto le posizioni in azioni che si scambiano con una deviazione standard di 3/4 volte al di sopra del loro range storico; ha aumentato i livelli di liquidità da un precedente livello dell'1-3% al 4-6%, cercando punti di ingresso migliori in alcuni dei vincitori della LT; infine, ha aggiunto azioni che hanno una forte prospettiva di crescita ciclica ma che si scambiano a una valutazione inferiore al trend.

 

Per quanto riguarda le IPO, il gestore ha sottolineato che “possono essere una grande opportunità in quanto riflettono il cambiamento nei comportamenti dei consumatori e nell'economia reale. La performance a breve termine dopo l'IPO è spesso guidata dal sentimento generale del mercato e dal flusso di notizie specifiche dell'azienda. Generalmente il mercato ha meno informazioni sulle azioni appena quotate rispetto alle altre presenti da più tempo sui mercati, pertanto queste possono essere più sensibili al flusso di notizie e al sentiment del mercato”. Per questo motivo, il gestore di Fidelity International continua a guardare ai fondamentali di lungo termine delle aziende ed è flessibile nel prendere l’eventuale performance post IPO come profitto rapido qualora il prezzo vada ben oltre il valore intrinseco.

 

“Dopo la correzione dei prezzi delle azioni dei nomi di alta qualità, le valutazioni sembrano più equilibrate di prima. Il livello di liquidità della strategia rimane ancora all'estremo superiore (4-5%), confermando la predilezione attuale per una visione prudente a breve termine”, ha precisato Jie. “Continuiamo a monitorare attentamente le esposizioni con l’idea di tornare investire in titoli che hanno visto una pressione per le prese di profitto negli ultimi due mesi qualora i loro fondamentali vadano verso un effettivo miglioramento o abbiano una direzione a lungo termine molto chiara del loro picco”, ha concluso Jie.