19/01/2021

Il mondo post Covid-19: le previsioni per il 2021

di Advisor Professional

La News

Nel 2020 il mondo è stato scosso da eventi straordinari, che hanno condizionato l’andamento dei mercati. Poche debolezze sono rimaste impunite ma, nel contesto di forte turbolenza dei mercati, sono emerse opportunità così come emergenze. Ecco le previsioni degli esperti di Natixis IM e delle società di gestione del Gruppo sul primo anno dell’economia post Covid-19.

 

“Pur aspettandoci una ripresa economica nel 2021 e un mondo più “normale” di quanto non sia mai sembrato dall’inizio della pandemia, crediamo che i trend emersi durante questa crisi persisteranno per molti anni, influenzando le opportunità di crescita nel lungo termine”, ha dichiarato Amber Fairbanks, portfolio manager Mirova Global Equity Team. “È probabile che il settore sanitario benefici di una maggiore spesa pubblica e supporto politico, via via che i governi riconoscono le loro mancanze nella gestione della crisi pandemica”, ha aggiunto il manager.

 

Gli investimenti ESG hanno registrato una crescita straordinaria negli ultimi anni e gli asset manager tendono sempre più frequentemente ad imprimere un marchio di sostenibilità alle loro strategie per poter intercettare una parte di questo flusso di capitali. “Con il moltiplicarsi delle cosiddette strategie ESG, diventa fondamentale che gli investitori comprendano la modalità di integrazione dei criteri ESG nel processo di investimento di un gestore, per assicurarsi che sia significativa ed intenzionale”, ha precisato Fairbanks.

 

Esty Dwek, head of global market strategy Natixis IM Solutions, ha spiegato che “le notizie incoraggianti dal fronte dei vaccini stanno alimentando l’ottimismo su un possibile ritorno alla “normalità” nel corso del 2021. Di conseguenza, in molti stanno già puntando sui temi della riapertura e della ripresa, con una diversificazione dai titoli difensivi a quelli ciclici e dagli Stati Uniti all’Europa e, soprattutto, ai paesi emergenti asiatici”. Secondo l’analista, questa tendenza proseguirà nel 2021, specialmente in previsione dell’arrivo del prossimo pacchetto di stimolo fiscale, ma in seguito potrebbe perdere slancio man mano che i mercati prezzeranno il “ritorno alla normalità” e gli investitori torneranno a concentrarsi sugli utili e sulla crescita. “La politica monetaria è fortemente accomodante da anni e, sebbene nel 2020 la massa monetaria sia aumentata rapidamente, la velocità della moneta non ha registrato un’accelerazione. Ciò indica che i diversi programmi di QE non genereranno inflazione”, ha precisato Dwek

 

“Gli straordinari interventi di politica monetaria attuati in tutto il mondo dovrebbero indurre gli investitori a rafforzare l’approccio risk-on/risk-off a breve termine. A sua volta, ciò dovrebbe continuare ad alimentare movimenti di mercato estremi alternati a periodi di calma. È quindi probabile che la volatilità di mercato registri forti picchi seguiti da flessioni repentine”, ha concluso Nicolas Just Deputy CEO e CIO Seeyond.