01/12/2020

BlackRock: upgrade per il debito emergente

di Advisor Professional

La News

“Prevediamo una forte ripresa della crescita globale nel 2021 con il lancio dei vaccini contro il Covid. Questo è il motivo per cui preferiamo orientarci maggiormente verso la ciclicità nelle nostre view sul credito poiché adottiamo un approccio barbell per allocare l'esposizione al rischio sia agli asset di qualità sia di quelli ciclici - spiegano dal Blackock Investment Institute - Abbiamo portato a neutrale il debito dei mercati emergenti sia in valuta locale sia in valuta forte, dopo aver portato le azioni emergenti in sovrappeso. Nel frattempo, abbiamo declassato il credito investment grade globale poiché le sue valutazioni sono aumentate e preferiamo esposizioni più cicliche come l’high yield”.

 

Gli asset dei mercati emergenti hanno sottoperformato i loro omologhi dei mercati sviluppati per la maggior parte del 2020, ma nelle ultime settimane hanno recuperato terreno. Una serie di notizie positive sui vaccini Covid ha rafforzato la fiducia in un riavvio accelerato delle economie nel corso del 2021, creando un contesto generale positivo per gli attivi rischiosi.

 

“La maggior parte degli asset dei mercati emergenti ha prodotto rendimenti positivi da inizio anno dopo il recente rally - continuano da BlackRock - Il debito in valuta locale dei mercati emergenti ha frenato la ripresa del mercato in termini di dollari USA, trascinato al ribasso dal forte deprezzamento della valuta in molti mercati emergenti. Tuttavia, vediamo il potenziale recupero del debito in valuta locale dei mercati emergenti, mentre le valute emergenti si stabilizzano grazie a un dollaro USA stabile o moderatamente debole. Prevediamo inoltre che il debito in valuta forte dei mercati emergenti tenga il passo con quello high yield nei mercati sviluppati”.

 

Il dollaro USA è un fattore chiave del debito in valuta locale dei mercati emergenti: la propensione al rischio e i differenziali dei tassi di interesse a loro volta guidano le mosse del dollaro. Il risultato probabile è un dollaro moderatamente debole. “Ciò dovrebbe supportare le valute dei mercati emergenti e il debito in valuta locale - confermano da BlackRock - Ci aspettiamo inoltre che affari esteri e politiche commerciali più prevedibili sotto l'amministrazione Biden forniscano uno scenario migliore per il mondo dei mercati emergenti”.  

 

In tutto questo, la Cina è una parte importante delle dinamiche di crescita dei mercati emergenti. La seconda economia mondiale sta guidando la ripresa globale dell'attività, con una crescita già pari o molto vicina al trend pre-Covid.

“Questo fa ben sperare per il resto del mondo emergente - spiegano da BlackRock - Tuttavia, le economie emergenti sono anche legati alla direzione politica della Cina. Qualsiasi inasprimento aggressivo della politica monetaria in Cina per evitare il surriscaldamento dell'economia - non il nostro caso di base - potrebbe essere negativo per i mercati emergenti.

Tatticamente siamo in sovrappeso sul reddito fisso asiatico poiché questa regione guida la ripresa economica globale. Riteniamo interessanti le valutazioni in questo mercato e riteniamo che gli investitori siano ben compensati per i rischi. Siamo inoltre sovrappesati sull'alto rendimento, sia su orizzonti tattici che strategici, poiché fornisce un reddito interessante in un mondo affamato di rendimento”.