27/11/2020

I rischi cruciali per la sicurezza previdenziale

di Advisor Professional

La News

Quando si esamina il contesto previdenziale non si può non fare una riflessione sui rischi fondamentali. Sotto l'effetto dell'invecchiamento demografico e di un indebitamento pubblico a livelli record, fino ai bassi tassi d'interesse e alle calamità indotte dal clima, all'inizio del 2020 la sicurezza previdenziale globale si è ritrovata a poggiare su basi alquanto malferme. A giugno i rischi sanitari, sociali, economici e finanziari hanno raggiunto livelli di allarme. Il Global Retirement Index 2020 di Natixis IM evidenzia cinque rischi cruciali per la sicurezza post-pensionamento: recessione, tassi d'interesse, debito pubblico, cambiamenti climatici e disparità di reddito.

 

Il primo rischio è legato alla recessione. La disoccupazione elevata provoca una drastica riduzione dei contributi versati nei piani pensione e dei prelievi fiscali sui salari destinati alle pensioni pubbliche. A complicare ancora di più la sfida di accantonare un risparmio pensionistico a lungo termine si è aggiunta, per molti lavoratori, la necessità di attingere ai propri piani pensione per sostituire la perdita di reddito. Un altro rischio è legato ai tassi di interesse che sono ai minimi storici da oltre 12 mesi e la chiusura forzata delle economie nel mondo ha imposto addirittura ulteriori tagli. In futuro i pensionati dovranno ingegnarsi nel modo di gestire le proprie esigenze di reddito, mentre i gestori dei fondi pensione dovranno diventare più creativi nella gestione delle prestazioni pensionistiche a lungo termine. La spesa pubblica dedicata a misure di stimolo e di aiuto è stata essenziale per tenere a galla l'economia, ma ha anche contribuito a spingere il debito pubblico a livelli record. In futuro, l'indebitamento sarà un grande problema da affrontare perché imporrà alla politica decisioni difficili su come affrontare i bisogni dei pensionati. I cambiamenti climatici sono un ulteriore rischio per la salute, per la prosperità e per la sicurezza previdenziale globale. I cambiamenti di carattere ambientale possono influire notevolmente sulla salute e sul benessere degli anziani e di altre fasce vulnerabili della popolazione. Inoltre, le calamità indotte dal clima possono presentare un conto potenzialmente pesante ai pensionati, a causa degli eventuali danni subiti dalle proprietà e dell'aumento del costo della vita. La sensibilizzazione sulla giustizia sociale ha attirato l'attenzione sulla disparità di reddito, che rappresenta un rischio fondamentale per la previdenza. Che siano analizzati per razza o per genere, i dati dimostrano comunque che una vita con un potenziale di reddito inferiore aumenta lo squilibrio sul piano del risparmio, del finanziamento e del reddito post-pensionamento.

 

Questi rischi quali implicazioni hanno per le istituzioni, i professionisti finanziari e i risparmiatori. Secondo il team di Natixis IM, per affrontare la sfida sanitaria posta dalla pandemia e scongiurare una crisi finanziaria, sarà indispensabile una risposta globale coordinata. Tuttavia, a fianco delle misure fondamentali adottate per neutralizzare le minacce di breve termine, le persone, i datori di lavoro, gli investitori istituzionali, i responsabili politici e i gestori finanziari dovranno saper riconoscere le ulteriori sfide che si presenteranno sul piano della sicurezza previdenziale globale, che è un obiettivo ambizioso realizzabile solo se i vari portatori d'interesse saranno in grado di assolvere i ruoli e le responsabilità di loro competenza.