19/10/2020

Convertibili per proteggersi dai rischi di mercato

di Advisor Professional

La News

L’universo delle Convertibili vale appena lo 0,5% del mercato azionario globale. Con un valore di mercato di circa 440 miliardi di dollari, si confronta con i 90mila miliardi di dollari dell’equity globale.

Come è evidenziato anche dai rapporti tra i principali indici: ad esempio, l'indice Refinitiv Global Focus Convertible Bond ha circa 200 componenti e una capitalizzazione di mercato di 200 miliardi di dollari, l'indice MSCI AC World è composto da quasi 3mila titoli per un valore di mercato di circa 50mila miliardi di dollari.

 

“Considerate tradizionalmente come una classe di attività di nicchia, le convertibili sono spesso trascurate dagli investitori, tuttavia, hanno dimostrato la loro forza durante la crisi COVID e, a lungo termine, possono vantare rendimenti simili a quelli delle azioni, con minore volatilità – spiega David Romani Deputy Fund Manager, Convertible Bonds di M&G Investments - Se gli investitori sono alla ricerca di società giovani e in forte crescita, ma sono preoccupati per le valutazioni elevate, la volatilità delle azioni e la potenziale vulnerabilità alla rotazione (da growth a value), le convertibili potrebbero offrire un'alternativa interessante all'investimento in azioni”.

 

I vantaggi della diversificazione del mercato convertibile globale - insieme alle caratteristiche di protezione dell'elemento obbligazionario - aiutano a mitigare i rischi. Il profilo di rendimento "asimmetrico" delle convertibili (che partecipano più al rialzo che al ribasso delle azioni) può renderli pertanto un tassello prezioso nel puzzle di costruzione del portafoglio.

“Può essere particolarmente importante in un contesto in cui gli investimenti Growth hanno notevolmente sovraperformato il Value per un lungo periodo di tempo - prosegue Romani - Con molti titoli di crescita, ora scambiati a valutazioni elevate, stiamo assistendo a un ampio dibattito su una potenziale rotazione dello stile dalla crescita al valore, insieme a uno spostamento dai beneficiari COVID e dai temi di crescita strutturale o secolare, verso nomi più ciclici o storie di ripresa.

È qui che la capacità unica delle convertibili di limitare il potenziale ribasso delle azioni potrebbe diventare estremamente preziosa”.

 

Per gli investitori, le convertibili globali possono offrire una proposta nettamente diversa rispetto alle azioni globali; hanno il potenziale per fornire forti rendimenti aggiustati per il rischio, offrendo anche un elemento unico di protezione dal ribasso.

“Con i rischi che permangono nel 2020, non ultime la minaccia imminente di una seconda ondata pandemica e le presidenziali statunitensi, potremmo continuare a vedere ulteriori spike di volatilità del mercato: un ambiente in cui le convertibili globali potrebbero continuare a brillare” conclude il fund manager di M&G Investments.