18/09/2020

ESG: non una moda, ma un modo di essere

di Advisor Professional

La News

Gli investimenti responsabili e tutte le tematiche che ruotavano intorno agli ESG erano già un tema in focus nel mondo dell’asset management, ma dopo la crisi provocata dal Covid19 lo sono diventati ancora di più: l’epidemia rappresenta una delle più grandi sfide socio-economiche dei nostri tempi.
 

“Per noi, però non si tratta di una moda – mettono in chiaro da Aberdeen Standard Investments - Da tempo riteniamo che le società che si comportano in modo responsabile e che tengono in considerazione gli aspetti ESG delle loro attività abbiano maggiori probabilità di offrire rendimenti sostenibili e risultati migliori per tutti. Da quasi 30 anni il nostro processo di investimento si basa su considerazioni ESG. In particolare il nostro approccio non mira unicamente a utilizzare strumenti di screening e a distinguere le società “buone” da quelle “cattive”, ma va molto più in profondità. Insieme alla ricerca sui fondamentali, l'analisi ESG di un'azienda ci permette di raccogliere molte informazioni sul suo stato di salute e sulle sue prospettive future”.


I fondamentali delle società, ora, sono infatti più importanti che mai: i mercati sono volatili, le difficoltà che le aziende si trovano ad affrontare sono molte, tanto che numerose società hanno sospeso, ridotto o annullato i dividendi per preservare la liquidità in un futuro incerto, mentre altre dipendono dal sostegno governativo poiché le misure di lockdown hanno bloccato le loro attività.


“In qualità di asset manager, siamo ben posizionati per incoraggiare, spingere e influenzare le società a comportarsi meglio – continuano gli esperti di ASI - Se un’azienda presenta una problematica ESG, non cerchiamo di evitarla (comportamento tipico di un approccio passivo), ma cerchiamo di capire come aiutare il management ad affrontare la sfida. Vi sono, a nostro avviso, valide ragioni per non evitare settori problematici, come quello del tabacco o del gioco d'azzardo: così facendo non avremmo alcuna influenza o capacità di supervisione volta ad apportare un cambiamento positivo. Siamo convinti che in molti casi sia meglio impegnarsi e offrire una visione costruttiva, se possibile. Ad esempio, incoraggiamo le società operanti nel gioco d'azzardo ad andare oltre gli obblighi legali nell'affrontare le problematiche del settore e a utilizzare un marketing responsabile”.


In altre parole: le aziende in grado di migliorare le proprie credenziali ESG possono migliorare la redditività, la reputazione e la sostenibilità, fornendo maggiori contributi positivi alla società civile.


“La pandemia ha sottolineato ulteriormente quanto sia importante per le aziende non solo disporre della capacità legale di svolgere la loro attività ma anche di ottenere una licenza sociale, vale a dire un'ampia approvazione da parte di tutti gli stakeholder - concludono da Aberdeen Standard Investments - Prevediamo che le aziende che hanno agito bene e in modo responsabile durante la pandemia saranno ricompensate con una migliore reputazione e una maggiore fidelizzazione dei clienti. Inoltre, tali società saranno all'avanguardia nel cammino verso la nuova normalità e nel plasmare un futuro più equo e sostenibile dopo i giorni bui della pandemia. Un altro circolo virtuoso”.