19/06/2020

Acqua, l’investimento del futuro

di Advisor Professional

La News

L'acqua è fondamentale per tutti gli abitanti del pianeta, di ogni estrazione sociale, e per qualsiasi settore dell'economia, dall'edilizia all’industria estrattiva, dalla produzione di semiconduttori a quella di veicoli elettrici. Semplicemente, non c'è nulla di misterioso riguardo alla fornitura di acqua agli utenti finali: richiede innanzitutto la risorsa in sé, dell’energia e, soprattutto, le infrastrutture, in tutte le loro varie e molteplici forme. In altre parole, gli asset fisici sono essenziali per la fornitura e il trattamento della risorsa più preziosa al mondo, ma forse anche la meno apprezzata. I gestori di Natixis IM fanno il punto sul settore idrico che mostrerà la sua comprovata resilienza nel lungo termine.

 

Cosa ha comportato il Coronavirus per gli investimenti nel settore idrico?

Siamo piombati di recente in una pandemia globale che ha stravolto le convenzioni sociali, bloccato l'attività industriale globale e confinato circa un terzo della popolazione mondiale nelle proprie abitazioni in momenti differenti. Che cosa ha significato questa pandemia per noi come persone e, da un punto di vista finanziario, per i nostri investimenti? Dal punto di vista degli investimenti, tutto questo ha condotto a una sostanziale sovraperformance del settore tecnologico e, naturalmente, di parti del settore sanitario durante la crisi. Il “mondo fisico” è stato particolarmente penalizzato, e persino le utility tradizionalmente difensive non sono state considerate sufficientemente cruciali. Dal nostro punto di vista specifico, da inizio anno abbiamo potuto fare affidamento su una strategia che continua a registrare performance in linea con quelle dei mercati azionari globali, nonostante il nostro focus sulle utility e sui produttori di componenti cruciali: efficienza della domanda, controllo dell’inquinamento, infrastrutture idriche.

 

Quali sono le implicazioni, nell’attuale contesto?

Riteniamo sempre importante sottolineare gli orizzonti a lungo termine pluridecennali che il settore idrico offre agli investitori. Conoscendo i modelli di business in cui investiamo e gli alti e bassi storici dei cicli economici, e con così tante persone sottoposte alle misure di confinamento legate all’emergenza sanitaria, possiamo essere assolutamente certi che la domanda repressa sosterrà una ripresa della domanda per le società in cui investiamo. Vediamo già timidi segnali di ripartenza: pur non potendo escludere una seconda ondata di contagi se questa fase non sarà gestita adeguatamente, siamo molto fiduciosi che nel lungo termine la ripresa dell’attività economica consentirà al più ampio universo investibile legato al settore idrico di guadagnare terreno.

 

Per concludere, alla luce della crisi sanitaria in atto e del ruolo dell’acqua nel lavaggio delle mani e nella pulizia degli ambienti, i gestori di Natixis IM sono sorpresi del fatto che questa risorsa sia data per scontata. Si è pensato poco ai servizi idrici o fognari sottostanti richiesti durante questo periodo estremamente complicato. Difficilmente le persone si affretteranno ad acquistare scorte di acqua quando questo periodo drammatico sarà passato, ma è indubbio che queste società, il loro ruolo cruciale nelle nostre vite e il loro valore a lungo termine siano trascurati e sottovalutati. Che tipo di crisi occorrerà per indurre gli investitori a riconsiderare la loro visione dell'acqua?

Visita il corner
Natixis Investment Managers, con un patrimonio di 811,6 miliardi di euro, si colloca tra le maggiori società di gestione al mondo
Scopri di più
Le nostre ultime pubblicazioni
  • natixis-last.jpg
    Occhi ben aperti nel secondo semestre
  • natixis-last.jpg
    Megatrends, i temi del prossimo decennio
  • cyber.jpg
    Cyber security, ecco come comportarsi (e dove investire)