La prima regola: non perdere denaro. La seconda : non dimenticare mai la prima. Warren Buffett
avatar

12/02/2019

Asset Allocation: 4 punti per fare ordine

di Advisor Professional

La News

La situazione macroeconomica è, ai più, chiara. Inutile rievocare le turbolenze del 2018 o i fasti dello scorso gennaio, molto più utile pesare al presente strizzando l’occhio al futuro. E proprio questo è l’obiettivo del team di BNP Paribas AM.

Nella loro asset allocation gli esperti continuano a collegare i cambiamenti nel contesto macro ad  un aumento della volatilità nel futuro, soprattutto a causa dell’avvio del QT da parte delle banche centrali (Grafico 10).  In effetti, negli ultimi anni le politiche espansive delle principali banche centrali hanno determinato distorsioni del mercato inconsuete. Quali? Si pensi alla volatilità delle quotazioni degli asset persistentemente bassa, o ai rendimenti corretti per il rischio elevati o, ancora, a premi per il rischio storicamente modesti sia nei mercati azionari che in quelli del reddito fisso. Ora questi squilibri sembrano destinati a rientrare, via via che le banche centrali inaspriranno le proprie politiche. Alla luce di ciò gli esperti di BNP Paribas AM mantengono una convinzione direzionale strutturale sulle azioni bassa e un’allocazione preferita per il medio-lungo periodo neutrale. In particolare, dal momento che considerano una maggiore volatilità come “la nuova norma”, le valutazioni attuali non offrono punti d’ingresso interessanti in alcuna direzione.  Nonostante tali premesse il team di BNP Paribas AM intende impiegare i suoi strumenti tattici (come ad esempio l’analisi tecnica dinamica e gli indicatori di temperatura del mercato), e alla luce di ciò di recente ha aperto una posizione short sulle azioni USA/area euro.   

 

Il posizionamento

 

E per quanto riguarda le obbligazioni? Sul reddito fisso, spiegano gli specialisti della casa francese, “manteniamo invariato il nostro sottopeso strutturale data la nostra visione di un’inflazione in graduale aumento e di una normalizzazione della politica monetaria”. 

  • Per poter costruire portafogli solidi, la squadra di BNP Paribas AM ha pensato di posizionarsi lunga sulle obbligazioni USA a 5 anni rispetto a quelle tedesche, alla luce delle differenze di valutazione. Gli esperti ritengono l’esposizione long ai Treasury USA come una valida posizione difensiva in un contesto di avversione al rischio sui mercati. 
  • Per quanto riguarda il reddito fisso europeo gli specialisti lo considerano vulnerabile a una correzione, specie ora che la BCE inizia a ritirare la sua politica espansiva.
  • E per quanto riguarda la difesa per eventuali tensioni commerciali sull’asse USA-Cina? Per mitigare la sua esposizione a tali, possibili, tensioni, il team di BNP Paribas AM si è posizionato lungo sull’USD rispetto a un paniere di valute asiatiche.
  • Chiudono il cerchio un posizionamento lungo sull’indice azionario francese CAC 40 rispetto al DAX motivato dalla convinzione che la Germania sia più esposta della Francia alla deglobalizzazione ed una posizione corta tattica sul cambio CAD/NOK, in quanto le valutazioni e le prospettive delle relative politiche monetarie appaiono, agli esperti francesi, favorevoli.    

CONTENUTI CORRELATI:
  • Cosa possiamo apprendere dal caso Borzi e Bonazzi
    12/02/2019 Cosa possiamo apprendere dal caso Borzi e Bonazzi E’ di pochi giorni fa la notizia della chiusura delle indagini della procura di Roma a carico di Nicola Borzi, all’epoca dei fatti giornalista del Sole 24 Ore ed oggi collaboratore del “Fatto Quoti...
  • LFDE: dopo la correzione, mercati alla ricerca di catalizzatori
    12/02/2019 LFDE: dopo la correzione, mercati alla ricerca di catalizzatori Al termine di una settimana di alti e bassi i principali indici azionari hanno chiuso con un ribasso più o meno accentuato, le cui cause potrebbero essere equivocate dando una lettura affrettata delle notizie di attualità. Olivier de Berranger - Chief Investment Officer de La Financière de l'Echiquier - ci aiuta a fare il punto su cosa esattamente sia successo e soprattutto su quale sia ora il sentiment prevalente sui mercati.
  • 12/02/2019 2019 CFASI Forecast Dinner Milano Il team di Credit Suisse Asset Management è lieto di invitarvi all'appuntamento annuale con la CFA dinner che si terrà martedì 19 febbraio presso il Rosa Grand Hotel di Milano.
DALLO STESSO PARTNER:
  • maiale.jpg
    20/02/2019 Anno del maiale: meno fuochi d’artificio nel paese del dragone? advisorprofessional La scorsa è stata la settimana del capodanno cinese: siamo ufficialmente entrati nell’anno del maiale. Nel corso delle vacanze per il capodanno cinese, le Chinese New Year Holidays, abbiamo assistito ad una crescita nelle vendite retail YoY dell’8,5%, questo dato è in decrescita rispetto al +10,2% del 2018. Come dovrebbero interpretare questi dati gli investitori? L'economia cinese inizia davvero a scricchiolare?
  • Tecnologia.jpg
    07/02/2019 Stefano Acquati (BNP Paribas AM): Rivoluzione ed evoluzione, tra tecnologia e welfare advisorprofessional “Ci lasciamo alle spalle un 2018 difficile”. Stefano Acquati, Senior Sales Manager BNP Paribas Asset Management, ha scelto di dare un rapido sguardo al passato prima di analizzare il presente e strizzare l’occhio al futuro...
  • growth.jpg
    10/01/2019 BNP Paribas AM: un 2019 in salita? Non necessariamente... advisorprofessional L'andamento molto volatile dei mercati nel 2018 ha ricordato agli investitori che i picchi di incertezza sono sempre e comunque dietro l'angolo, in particolar modo quando "le stelle", ovvero i principali fattori favorevoli che hanno guidato i recenti andamenti, non sono più allineati, come ad esempio nel 2017. Tempi duri in arrivo? Non per forza...