Un miliardario spesso non è che un povero uomo con tanti soldi. Aristotele Onassis
avatar

12/02/2019

LFDE: dopo la correzione, mercati alla ricerca di catalizzatori

di Advisor Professional

La News

Al termine di una settimana di alti e bassi i principali indici azionari hanno chiuso con un ribasso più o meno accentuato, le cui cause potrebbero essere equivocate dando una lettura affrettata delle notizie di attualità.
Olivier de Berranger - Chief Investment Officer de La Financière de l'Echiquier - ci aiuta a fare il punto su cosa esattamente sia successo e soprattutto su quale sia ora il sentiment prevalente sui mercati.

 

Europa

In Europa, la Commissione Europea ha pubblicato, la scorsa settimana, le sue previsioni di crescita rivedendole in forte ribasso, specie per il 2019.

Bruxelles indica infatti una crescita del PIL nel 2019 dell'1,3% per l'Eurozona e dell'1,5% per l'Unione Europea, rispetto all'1,9% e al 2,0% precedenti.

Le revisioni più drastiche si riferiscono all’Italia (+0,2% contro +1,2%), entrata tecnicamente in recessione, e alla Germania (1,1% contro 1,8%) che potrebbe subire lo stesso smacco il prossimo 14 febbraio, giorno di pubblicazione dei dati relativi alla sua crescita nel 4° trimestre 2018. In confronto, la Francia riesce a cavarsela limitando i danni (1,3 contro 1,6%). 

 

Afferma a riguardo de Berranger:

"Questo taglio netto e decisivo non fa che confermare un rallentamento già osservato dagli analisti e in parte scontato dai mercati, di fronte al quale la Banca Centrale Europea ha già ammorbidito la sua posizione. Come di consueto, le grandi istituzioni politiche
chiudono la serie delle revisioni delle previsioni economiche. Questa semplice conferma spiega quindi solo in parte i recenti movimenti sui mercati.
"

 

USA VS Cina

Oltre il Vecchio Continente, i negoziati tra Cina e Stati Uniti si collocano ancora una volta al centro dell’attenzione e si caratterizzano per una serie di messaggi contraddittori. 

Facciamo il punto:

1) All'inizio della settimana, l'ottimismo imperava e alcuni speravano addirittura in qualche indizio da parte di Donald Trump nel suo discorso sullo stato dell'Unione di mercoledì scorso. Ma il Presidente americano non vi ha fatto alcun
riferimento. 
2) Il giorno dopo, il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, lasciava intendere che i negoziati erano in situazione di stallo e la CNBC dava come “altamente improbabile” un incontro tra Trump e Xi Jinping prima del 1° marzo, data che segna la fine della tregua concordata nel G20. 

Questi elementi non sono stati certamente graditi dagli investitori anche se, ancora una volta, non ne sono l’unica spiegazione.


Dinamiche degli utili

Al di là dei dati macroeconomici e delle incertezze geopolitiche sono i risultati aziendali a non dimostrarsi sufficientemente validi per fare da catalizzatore sui mercati. Ci sono stati molti warning sui risultati e, soprattutto, molte revisioni al ribasso degli obiettivi. 

Nel dettaglio:

1) Negli Stati Uniti, mentre le pubblicazioni del quarto trimestre 2018 sono sostanzialmente in linea con le aspettative, il mese scorso gli utili per azione previsti per i prossimi tre trimestri sono stati rivisti al ribasso. 

2) In Europa, i risultati del quarto trimestre sono stati finora in chiaroscuro: solo il 47% delle aziende ha superato il consensus toccando così un minimo dalla fine del 2014.

Secondo l'analisi di de Berranger, dunque, il mercato, un po’ per volta, si dimostra sempre meno compiacente e le delusioni riferite ai risultati incominciano a essere sottolineate.

Più in generale, mentre il rally di gennaio, in parte tecnico, è servito a correggere gli eccessi di sottovalorizzazione derivanti dalla correzione di dicembre, gli investitori non sembrano più percepire alcun catalizzatore in grado di giustificare un ulteriore aumento poiché l’impostazione accomodante delle banche centrali compensa soltanto i dubbi relativi alla crescita globale.

A margine, rimangono comunque dei potenziali interessanti in molti segmenti a condizione, probabilmente, di accettare una volatilità maggiore.

 

#weekly+update vuoi saperne di più? Clicca qui!

 

 

CONTENUTI CORRELATI:
  • "Paura": dalla storia alla finanza, storia di un sentimento irrazionale
    11/02/2019 "Paura": dalla storia alla finanza, storia di un sentimento irrazionale Nella lezione n°303, Paolo Legrenzi affronta il tema della paura. Da dove nasce questo sentimento e quali sono le sue ripercussioni nel rapporto consulente-cliente?
  • Il recupero si prende una pausa, in attesa di verifiche
    12/02/2019 Il recupero si prende una pausa, in attesa di verifiche Pausa di riflessione per il recupero dei mercati dopo la turbolenza di fine 2018. La fase più facile del rimbalzo, quella alimentata dal mutare delle aspettative è probabilmente terminata, ora gli investitori sono in attesa di valutare l’efficacia delle azioni di Fed, Cina e Trump nell’arrestare il rallentamento globale...
  • Savatteri (T.Rowe Price): ecco la nostra ricetta per cavalcare la volatilità
    11/02/2019 Savatteri (T.Rowe Price): ecco la nostra ricetta per cavalcare la volatilità La volatilità è stata senza alcun dubbio il tema dominante per l'anno appena trascorso. Dopo un 2017 tranquillo, infatti, abbiamo dovuto affrontare un anno in cui oltre il 90% delle asset class ha registrato rendimenti negativi. Ma cosa si intende per volatilità? Cosa aspettarsi per il 2019? E soprattutto, come affrontare l'incertezza crescente sui mercati?
DALLO STESSO PARTNER:
  • Acceleratore_1.jpg
    18/02/2019 LFDE: sentiment positivo sui mercati, ma quanto potrà durare? advisorprofessional Dopo una ritrovata avversione al rischio due settimane fa, i mercati hanno ripreso a correre sulla scia di alcune notizie incoraggianti provenienti dagli Stati Uniti. Perché? Il punto a cura di Olivier de Berranger, Chief Investment Officer de La Financière de L'Echiquier.
  • colomba.jpg
    05/02/2019 La Fed torna colomba: quali implicazioni per gli investitori? advisorprofessional L'ultima settimana può essere definita a buon titolo "la settimana delle banche centrali". Nel vecchio continente, infatti, a dominare l’attualità sono stati il discorso di Mario Draghi e il posizionamento prudente della Banca Centrale Europea. Dall'altra parte dell'Atlantico, invece, La Fed ha avviato una vera e propria svolta "dovish", lasciando intendere che potrebbe non aumentare i tassi nel 2019 contrariamente ai due rialzi previsti non più tardi di qualche settimana fa...
  • Europa_1.jpg
    28/01/2019 LFDE: i 2 fattori che potrebbero guidare una ripresa europea advisorprofessional Meeting della BCE all'insegna dell'attendismo e, dopo gli ultimi dati macro, situazione economica non brillante per il Vecchio Continente. Secondo Olivier de Berranger – Chief Investment Officer de La Financière de l'Echiquier - è comunque possibile aggiungere delle sfumature positive a questo quadro apparentemente desolante. Ma quali?