Alla base della maggior parte delle discussioni contro il mercato libero vi è una mancanza di credenza nella libertà stessa. Milton Friedman
avatar

29/01/2019

Spread creditizi e recessione: la view di T. Rowe Price

di Advisor Professional

La News

L’atmosfera è nervosa sui mercati in questo inizio d’anno: i timori di una recessione negli Stati Uniti hanno spaventato gli investitori, ancora irrequieti dopo l’incremento della volatilità dello scorso anno, provocando l’allargamento degli spread creditizi e il crollo delle azioni. Ma se è vero che una recessione nel breve periodo non può essere del tutto esclusa, secondo gli esperti di T. Rowe Price è altrettanto vero che con ogni probabilità essa non è imminente. 

In quest'ottica il credito si può rivelare un investimento più sicuro di quanto porterebbe a credere il consensus.

Perché?

Ecco l'analisi di T. Rowe Price.
 

Dato che le recessioni tendono a provocare un incremento dei tassi di default, la determinante principale degli spread creditizi è il ciclo economico. Tuttavia, prevedere il momento in cui avverrà una recessione è notoriamente difficile e la situazione attuale non fa eccezione.
 

Si possono comunque trarre alcune conclusioni.
 

Il ciclo economico statunitense si trova chiaramente nella fase finale: gli utili societari stanno raggiungendo il picco, la politica monetaria è stata inasprita e la crescita economica sta rallentando. Non si sono ancora, tuttavia, manifestati i tipici segnali anticipatori di recessione. Inoltre, i modelli proprietari di T. Rowe Price suggeriscono che le probabilità di una recessione negli Stati Uniti durante il prossimo anno sono basse, pur indicando probabilità cumulate più elevate per i prossimi 2-3 anni.

Per completare il quadro di analisi è interessante in particolare focalizzarsi sulle dinamiche dei mercati del credito.

L’allargamento degli spread creditizi è un segnale di recessione classico.

Tradizionalmente gli ampliamenti tendono ad avvenire in diverse ondate:
 

  • il primo periodo si verifica generalmente 6-9 mesi prima della recessione,
     
  • il secondo 3-6 mesi prima e il terzo durante la recessione. 

 

Osserviamo, a titolo esemplificativo, il segmento investment grade statunitense: gli spread si sono allargati di 40 punti base tra febbraio e luglio e di ulteriori 50 punti base tra settembre e la fine dell’anno. 

Affermano, perciò, gli esperti di T. Rowe Price:

"Se prendiamo come punto di partenza l’allargamento dello scorso febbraio, dovremmo aspettarci l’inizio di una recessione nei prossimi tre mesi, se invece partiamo dall’allargamento di settembre, l’inizio della recessione dovrebbe avvenire verso la fine del 2019. Basandoci su tutti i dati a nostra disposizione lo scenario di recessione appare improbabile nei prossimi tre mesi, mentre è plausibile nei prossimi 11-12 mesi."

In entrambi i casi delineati, ci si può aspettare un movimento laterale degli spread o persino un leggero restringimento nei primi sei mesi di quest’anno, prima di un possibile successivo allargamento (se una recessione dovesse verificarsi a fine anno). 


Come si sono posizionati i gestori di T. Rowe Price in questo contesto?

"In previsione di tale scenario, abbiamo rafforzato l’esposizione creditizia nelle strategie Global Multi-Sector e Diversified Income Funds – principalmente attraverso strumenti liquidi e a breve scadenza– nella seconda metà di dicembre 2018. La nostra esposizione al rischio di credito è attualmente ai livelli massimi su un periodo di oltre 12 mesi e si trova approssimativamente a metà del nostro intervallo storico. Di certo non vogliamo essere eccessivamente long sul credito nel contesto attuale: il mercato non è conveniente e l’economia globale si trova di fronte a diversi rischi. Nel complesso, tuttavia, siamo del parere che la probabilità di una recessione nel breve periodo non sia così elevata come lo ritengono i mercati e che sia di conseguenza ragionevole accrescere l’esposizione creditizia, continuando parallelamente a seguire l’evoluzione dei dati in tempo reale."
 

CONTENUTI CORRELATI:
  • Effetti di rete: chi, cosa, dove, quando e perché?
    29/01/2019 Effetti di rete: chi, cosa, dove, quando e perché? “Se possedessi un bel castello, ci sarebbero sicuramente persone là fuori che cercherebbero di attaccarlo e conquistarlo. Per questo, ne voglio uno che conosco bene e con un largo fossato intorno”. Warren Buffett ha utilizzato queste parole per spiegare il concetto di Economic moat. Come mai è importante comprenderlo e saper individuare le società nobili sotto tale aspetto?
  • M&G: 2019? Sarà l’anno del coraggio
    28/01/2019 M&G: 2019? Sarà l’anno del coraggio Pozzi: "Vedremo quello che accadrà, ma di sicuro le valutazioni attuali di alcuni mercati azionari, del credito e di selezionate obbligazioni emergenti forniscono una buona protezione o se preferite, delle migliori probabilità per risultati positivi in futuro..."
  • La sostenibilità dentro la gestione
    28/01/2019 La sostenibilità dentro la gestione Il mondo in cui viviamo sta attraversando una fase di cambiamento. Jens Peers, evidenzia come, se ci si ferma ad osservare i mutamenti demografici, tecnologici ed ambientali degli ultimi anni, tale transizione appaia chiara. Alla luce di tale contesto qual è la strategia, passo dopo passo, di Mirova US?
DALLO STESSO PARTNER:
  • small+cap.jpg
    10/04/2019 T. Rowe Price: come affrontare la volatilità sui mercati europei advisorprofessional Le tensioni geopolitiche e le prospettive più incerte di crescita economica a livello europeo e globale rendono probabili nuove fasi di volatilità sui mercati nel corso del 2019. Come muoversi in questo contesto instabile? Quali investimenti possono risultare interessanti?
  • T. Rowe Price 480x320.jpg
    08/04/2019 Domenichini (T. Rowe Price): il ruolo strategico della gestione attiva advisorprofessional Quanto è importante avere una visione strategica nel processo di stockpicking? In che modo T. Rowe Price declina il suo approccio di investimento orientato al lungo periodo nelle scelte di gestione attiva? Fa chiarezza sul tema Federico Domenichini, Head of Advisory - Italy di T. Rowe Price, nel corso di un'intervista realizzata in occasione della decima edizione del Salone del Risparmio.
  • soldi+grafici.jpg
    28/03/2019 Solo gli sciocchi investono sempre sullo “stesso” gestore advisorprofessional Il debutto nel West End della versione “musical” di “Only Fools and Horses” (“Solo gli sciocchi e i cavalli”, ndt), una sitcom molto amata sulle “attività di business” – se così si può dire – è stato l'occasione per Nick Samouilhan, solutions strategist presso la divisione Multi-Asset di T. Rowe Price di riflettere sulla gestione dei fondi e su come essa venga percepita dagli investitori...
  • USA_Flag.jpg
    26/03/2019 Equity USA: ricercare performance in un contesto più sfavorevole advisorprofessional Nel caso specifico dell'azionario statunitense è stata la quiete a venire dopo la tempesta: dopo le turbolenze che hanno caratterizzato la fine del 2018, infatti, l’inizio di quest’anno ha visto il ritorno di una certa calma sui mercati. Tuttavia, i fattori di preoccupazione che hanno dominato il 4° trimestre dello scorso anno sono ancora presenti e richiedono un'attenzione particolare da parte di chi investe nella fase di stockpicking...