Se vuoi renderti conto del valore del denaro, prova a chiedere un prestito. Benjamin Franklin
avatar

21/01/2019

M&G(Lux) Sustainable Allocation Fund: la nuova proposta "a impatto" di M&G

di Advisor Professional

La News

Performance totale (combinazione di reddito e crescita di capitale) del 4-8% per un anno con volatilità annualizzata attesa fra il 4% e il 7% su qualsiasi periodo di 5 anni, sono questi gli obiettivi che si prefigge il nuovo fondo di M&G M&G (Lux) Sustainable Allocation Fund gestito da Maria Municchi e Steven Andrew, tutto questo con un'attenzione particolare alle tematiche ESG e all'accurata selezione di aziende in grado di generare un impatto positivo sulla società.

 

Come viene gestito il fondo?

M&G(Lux) Sustainable Allocation Fund presenta un'asset allocation flessibile e diversificata adatta a muoversi negli ambienti di mercato in continua evoluzione, riuscendo a trarne vantaggio e minimizzandone gli effetti negativi. Nel concreto  investe tra il 20% e l'80% in obbligazioni, tra il 20% e il 60% in azioni e tra lo 0% e il 20% in altri asset.

La particolarità del fondo, tuttavia, è la capacità di integrare un'asset allocation basata sulla filosofia multi-asset di M&G con un attento screening del portafoglio basato sui criteri ESG e soprattutto con la selezione di aziende con un peso compreso tra il 10% e 30% del totale che hanno un effetto positivo sulla società occupandosi delle principali sfide ambientali e sociali del mondo.

 

Come funziona lo screening ESG?

Lo screening ESG sul portafoglio del fondo M&G(Lux) Sustainable Allocation Fund si articola in tre momenti essenziali:

1) Esclusione dall'universo di investimento delle società che violano i principi Global Compact delle Nazioni Unite in materia di diritti umani, lavoro, ambiente e lotta alla corruzione.

2) Esclusione delle aziende appartenenti a settori non in linea con i criteri ESG in base ai rating ESG MSCI

3) Esclusione dei titoli obbligazionari corporate con rating inferiore a BBB e dei titoli obbligazionari governativi con  rating inferiore a BB


Come viene costruito il portafoglio a impatto?

Al fine di incrementare le esternalità positive per l'ambiente e per la società il team di M&G ha allocato una parte del portafoglio compresa tra il 10% e il 30% all'investimento in imprese che generano un impatto positivo chiaro e dimostrabile sulla società. Anche in questo caso la costruzione del portafoglio si basa in un'analisi a tre fattori (iilustrata nel'infografica sotto) e comprende le seguenti tipologie di strumenti: azioni quotate, obbligazioni verdi e sostenibli, obbligazioni sovranazionali, obbligazioni tradizionali e convertibili di società a impatto.

Per comprendere meglio il funzionamento di tale portafoglio può essere interessante vedere un esempio di titolo incluso al suo interno.


Come viene monitorato il livello di rischio?

In linea con il processo di monitoraggio del rischio impiegato da M&G Investments, anche per il fondo M&G(Lux) Sustainable Allocation Fund l'analisi del rischio fornita dal team dedicato indipendente di M&G si basa su tre pilastri:

1) VaR 99% a 1 mese pari al 12% (massimo);

2) Monitoraggio a cura dei reparti Investment Management, Risk Monitoring e Compliance di M&G;

3) confronto e dibattito in terno in caso si registrino variazioni significative.
 

 

Per ulteriori informazioni sul fondo clicca QUI

 

#prodotti+news, ti interessa? Clicca qui per saperne di più!

CONTENUTI CORRELATI:
  • Bias dell
    18/01/2019 Bias dell'avvversione alle perdite: dalla teoria alla pratica La maggior parte delle persone tende a percepire le perdite con maggiore intensità rispetto ai guadagni, concetto denominato appunto "avversione alle perdite". Com'è possibile includere questo bias comportamentale nella gestione dei portafogli di investimento? La parola agli esperti di PIMCO...
  • Shutdown USA: cosa significa davvero per gli investitori?
    18/01/2019 Shutdown USA: cosa significa davvero per gli investitori? I membri del Congresso statunitense sono a un punto morto per quanto concerne la creazione di un muro al confine tra gli Stati Uniti e il Messico. Le minacce del Presidente Trump di bloccare le attività amministrative (government shutdown) in caso di non approvazione del disegno di legge sollevano dubbi e incertezze che contribuiranno ad aumentare i rischi politici di cui gli investitori dovranno tenere conto. Stephen Dover, Head of Equities di Franklin Templeton Investments, illustra la sua opinione circa i potenziali impatti.
  • Goldman Sachs AM: l’asset allocation per il 2019 in 5 punti chiave
    18/01/2019 Goldman Sachs AM: l’asset allocation per il 2019 in 5 punti chiave Un nuovo anno è iniziato sui mercati finanziari e molte sono le incognite sulle quali gli investitori si stanno interrogando. Quali sono le prospettive per la crescita economica a livello globale? Come evolveranno le scelte di politica monetaria delle più importanti banche centrali? E soprattutto quali asset class potranno performare meglio dopo un anno complesso come il 2018? La parola agli esperti di GSAM...
DALLO STESSO PARTNER:
  • M&G_480x320.jpg
    19/02/2019 ESG: 4 raccomandazioni per chi investe in high yield advisorprofessional Si sta sempre più diffondendo tra gli investitori la consapevolezza di quanto sia fondamentale un approccio ESG negli investimenti e, soprattutto, di quanto nei prossimi anni diventerà sempre più imprescindibile. Tuttavia, secondo Mario Eisenegger di M&G Investments, un caso particolarmente interessante può essere quello dell'obbligazionario high yield. Ecco perché...
  • Mercati.jpg
    07/02/2019 Orsi (M&G): così affrontiamo la volatilità sui mercati advisorprofessional Anche se il ciclo economico volge ormai al termine, secondo Orsi, dopo la recente correzione è giunto il momento di prendere nuovamente posizione sugli asset rischiosi, adottando, però un approccio molto selettivo e attento agli episodi che si verificano sui mercati...
  • M&G_480x320.jpg
    31/01/2019 M&G: 5 temi per investire in debito emergente oggi advisorprofessional Il 2018 è stato un cosiddetto annus horribilis per il debito dei Paesi emergenti (EM), le cui valutazioni relativamente elevate all’inizio del periodo sono state compresse dai rischi macro globali (di natura geopolitica in generale, ma anche legati alle guerre commerciali), dalla crescita più fiacca nella regione e da situazioni specifiche di singoli Paesi (Argentina e Turchia). Questi nuovi prezzi riflettono un eccessivo pessimismo dei mercati o sono specchio fedele dei fondamentali? Dipenderà dall’evoluzione di cinque aspetti cruciali.
  • Pozzi_Gen.jpg
    28/01/2019 M&G: 2019? Sarà l’anno del coraggio advisorprofessional Pozzi: "Vedremo quello che accadrà, ma di sicuro le valutazioni attuali di alcuni mercati azionari, del credito e di selezionate obbligazioni emergenti forniscono una buona protezione o se preferite, delle migliori probabilità per risultati positivi in futuro..."