I soldi tramutano la fedeltà in infedeltà, l'amore in odio, la virtù in vizio, il vizio in virtù, la schiavitù in dominio, la stupidità in intelligenza, l'intelligenza in stupidità. Karl Marx
avatar

11/12/2018

Nel 2019 saremo ancora più “tecnocentrici”?

di Advisor Professional

La News

Secondo i gestori della strategia Global Technology, Richard Clode, Alison Porter e Graeme Clark, la disputa commerciale USA/Cina è sintomatica di un conflitto più profondo, incentrato sulla tecnologia. La strada verso la resa dei conti e la direzione della curva dei rendimenti dovrebbero plasmare i mercati azionari tecnologici globali nel 2019.

 

 

Il potenziale della tecnologia

Benché i mercati tendano a focalizzarsi sull'aumento dei dissidi commerciali, secondo gli esperti di Janus Henderson Investors si tratta semplicemente di un sintomo di un problema più profondo: gli esperti credono che le crescenti tensioni tra Stati Uniti e Cina siano molto più ampie e che al centro di esse vi siano la tecnologia e il controllo della proprietà intellettuale. Ma perché verrebbe attribuita tutta questa importanza al settore tecnologico? Il punto è che via via che ci si avvicina verso un punto di svolta dell'intelligenza artificiale, la tecnologia e la sicurezza nazionale diventano sempre più interconnesse. Ecco spiegato l'intento di Trump di tutelare la proprietà intellettuale della tecnologia statunitense. Questo è divenuto un pilastro fondamentale delle sue attuali politiche, che si estrinseca non solo nell'applicazione dei dazi alle importazioni, ma anche nei controlli più rigorosi sulle esportazioni e sul trasferimento della proprietà intellettuale della tecnologia statunitense. D'altro canto, esattamente per le stesse ragioni, lo sviluppo di un'industria tecnologica nazionale costituisce una parte fondamentale degli obiettivi della Cina per il 2025. Di conseguenza, gli specialisti di Janus Henderson Investors non considerano plausibile giungere a una ricomposizione di queste tensioni nel breve termine. Questa situazione è una fonte di rischi, alla luce del fatto che le tensioni maggiori riguardano soprattutto in un settore, come quello tecnologico, che è caratterizzato da una catena di fornitura globale.

 

Da oggi a domani

Oggigiorno, più della metà del mondo è online ed è accessibile in qualsiasi momento, e ovunque, tramite smartphone, ed è in grado di pagare in forma digitale; l'infrastruttura cloud consente alle aziende di crescere più velocemente, e a costi più bassi che mai, e l'intelligenza artificiale sarà strumentale alla prossima ondata di sconvolgimenti epocali. Alla luce di queste premesse, è probabile che la tecnologia continuerà ad accaparrarsi una fetta crescente dell'economia globale. È probabile che il 2019 fornisca un'ulteriore conferma delle prospettive riguardanti la tecnologia. Questa, secondo il team di gestione di Janus Henderson Investors, sconvolgerà in modo dirompente nuovi settori: si pensi all’imminente lancio di una piattaforma commerciale autonoma di ride-hailing da parte di Waymo, negli Stati Uniti, o al potenziale ingresso in Borsa della unicorn-startup con le valutazioni più alte al mondo, Ant Financial. Inoltre, stiamo già assistendo alla prima ondata di investimenti nel 5G, che accelererà nel 2019 con lo sviluppo dell'infrastruttura per l'internet degli oggetti (IoT) nel corso del prossimo decennio.

In tale scenario quale come si posizionano gli esperti di Janus Henderson Investors? Questi continueranno a fornire ai clienti esposizione a questi entusiasmanti temi di crescita, ma senza perdere di vista la propria filosofia d'investimento: "navigare l'hype cycle", basata sulla disciplina nelle valutazioni e la consapevolezza del rischio, col fine di ridurre la volatilità dei rendimenti. Con i tassi d'interesse finalmente normalizzati, dopo quasi un decennio di quantitative easing (QE), gli specialisti sono convinti che, in futuro, la nostra disciplina di valutazione sarà ancora più rilevante.

 

 

Clicca qui per l’approfondimento completo!

 

 

#2019, vuoi saperne di più? Clicca qui!

CONTENUTI CORRELATI:
  • 2019, l
    11/12/2018 2019, l'Europa farà la lepre o la tartaruga? Il gestore delle azioni europee di Janus Henderson Investors, John Bennett, valuta le prospettive di miglioramento per i titoli europei di buona qualità, eccessivamente colpiti dal sentiment pessimista del mercato.
  • 13 dicembre: fine di un
    06/12/2018 13 dicembre: fine di un'era? Il 13 dicembre si riunirà il Consiglio direttivo della BCE. Sarà una data storica perché dovrebbe sancire ufficialmente la fine del QE. A quale scenario andremo incontro? Gli esperti di Pictet AM ne individuano 2, tra fantafinanza e realtà...
  • Scelto per te: GS Global Multi-Asset Portfolios
    04/12/2018 Scelto per te: GS Global Multi-Asset Portfolios Advisor Professional torna con la rubrica di Goldman Sachs Asset Management (GSAM) "Scelto per te", il format studiato per illustrare in maniera sintetica e mirata le caratteristiche e i punti di forza dei principali fondi della gamma di offerta.
DALLO STESSO PARTNER:
  • Europa_1.jpg
    11/06/2019 Europa: un'opportunità per il medio termine advisorprofessional Gli investitori hanno continuato a privilegiare le azioni statunitensi per la maggior parte del longevo mercato rialzista in cui ci troviamo, trattando l'Europa come la "cugina poco amata" dagli investitori globali. Cambierà il vento nel corso del 2019? La parola a Nick Sheridan, Portfolio Manager di Janus Henderson.
  • 13509_2019_05_21_12_15_09_287.jpg
    29/05/2019 Trade War: ecco perché la Cina potrebbe avere la meglio advisorprofessional Più passano i mesi, più la sfida sulla supremazia commerciale e tecnologica in corso tra Cina e Stati Uniti non sembra combattuta ad armi pari. Ci spiegano perché Myron Scholes e Ash Alankar del Janus Henderson Adaptive Asset Allocation Team.
  • Grafici.jpg
    10/05/2019 Non giudicate il fondo dalla copertina advisorprofessional Leggendo il nome "Janus Henderson United Kingdom Absolute Return Fund", fondo azionario long-short, la prima impressione che si ha è che si tratti di un comparto interamente focalizzato sul mercato britannico. Niente di più sbagliato. Ma l'ambiguità del nome è solamente una delle sorprese del comparto...
  • Consulente Prospettive.jpg
    07/05/2019 4 risposte sull’ High yield europeo advisorprofessional Tra una politica da parte delle banche centrali ancora in divenire e dati economici contrastanti, Tom Ross, Corporate Credit Portfolio Manager di Janus Henderson Investors, chiarisce le condizioni di mercato degli investitori obbligazionari europei nel segmento high yield. Per farlo l’esperto si propone di rispondere a 4 domande.