L'inflazione è quella forma di tassazione che può essere imposta senza legislazione. Milton Friedman
avatar

CONTENUTI CORRELATI:
  • Sanità? La pillola va giù ed il settore su...
    06/12/2018 Sanità? La pillola va giù ed il settore su... Nel settore sanitario, l'innovazione sta procedendo a ritmi sostenuti, un trend che, secondo Andy Acker, Portfolio Manager del team Global Life Sciences di Janus Henderson Investors, continuerà nel 2019 a potenziale vantaggio degli investitori. Per meglio comprendere tale settore il Portfolio Manager risponde a tre domande...
  • Petrolio: tagli della produzione in vista?
    06/12/2018 Petrolio: tagli della produzione in vista? Il mese di novembre si è chiuso come il peggiore degli ultimi dieci anni per il prezzo del greggio (-20%). Per questo motivo i paesi produttori con in testa Russia e Arabia Saudita starebbero valutando un taglio probabilmente nell'ordine di 1/1.3 milioni di barili al giorno: diminuire l'offerta di materia prima sul mercato è il primo modo per aumentarne il prezzo...
  • Anno nuovo: ultimi botti alla fine del ciclo?
    06/12/2018 Anno nuovo: ultimi botti alla fine del ciclo? Un altro anno volge al termine e, come spesso accade, diventa un’occasione per riflettere su quel che è stato e su quel che sarà. Riguardo al futuro, che si chiama 2019, la domanda che si pongono gli investitori è essenzialmente una:  siamo arrivati alla fine del ciclo? Nel video gli esperti di Janus Henderson Investors si propongono di rispondere a tale quesito.
DALLO STESSO PARTNER:
  • usa - bici.jpg
    20/05/2019 Scontro Usa-Cina: quanto peseranno i dazi? advisorprofessional Fino a due settimane fa sembrava che i negoziati commerciali tra Cina e Stati Uniti stessero andando bene, tanto che i mercati andavano a gonfie vele e si pensava al raggiungimento di un accordo. Ma nel giro di 15 giorni il vento è cambiato con Trump che ha deciso di alzare nuovamente i dazi su 200 miliardi di USD di merci provenienti dalla Cina dal 10% al 25%. In tale scenario può essere utile conoscere le prospettive di un insider come Steve Watson, gestore di portafoglio di Capital Group. In quanto abitante di Hong Kong il gestore detiene un punto di osservazione privilegiato da cui assistere all'estenuante disputa commerciale tra Stati Uniti e Cina.
  • traffico.jpg
    03/05/2019 Quando finirà il mercato toro? advisorprofessional Lo scorso 9 marzo è passato inosservato ma i più attenti si saranno sicuramente ricordati di brindare per l’anniversario del mercato toro americano, il decimo per la precisione. 10 anni sono molti, al punto che molti investitori hanno iniziato ad interrogarsi circa la vita residua di tale “festa”. Sembrava che tutto dovesse finire nell’ultimo trimestre del 2018, ma le preoccupazioni degli investitori si sono attenuate con il cambio di tono della Fed cui è conseguito un ottimo inizio del 2019. Inoltre le tensioni commerciali sull’asse USA-Cina si sono affievolite. Tuttavia ricordare il passato, vicino o lontano che sia, è poco utile agli investitori, concentrati maggiormente sull’oggi e sul domani. Ci si chiede allora cosa accadrà domani. Il mercato toro continuerà a lungo? L’America continuerà a regnare incontrastata sui mercati o il resto del mondo riuscirà a recuperare terreno? Il rallentamento cinese avrà delle conseguenze sui mercati globali?
  • giappone casa.jpg
    26/04/2019 4 motivi per credere nelle azioni nipponiche advisorprofessional Se c’è una nazione ad essere uscita con le ossa rotte dal 2018 quella è il Giappone. I titoli nipponici hanno attraversato un periodo difficile soprattutto nel quarto trimestre, posizionandosi in fondo alla classifica dei mercati sviluppati della regione Asia/Pacifico. Generalmente a questo punto viene introdotta una frase avversativa, ma in questo caso non c’è alcun ma, o, per essere più precisi, ancora non c’è stato. Perché i primi mesi del 2019, forieri di ottime nuove per molte realtà, hanno fatto registrare una modesta ripresa in Giappone, lasciando le valutazioni delle azioni nipponiche su livelli modesti. Il lato positivo è che questa situazione potrebbe offrire agli investitori un ottimo punto d'ingresso, soprattutto se si considera che molti dei fattori negativi, come il rallentamento della crescita cinese, sono già stati inglobati nei prezzi. Di seguito il team di Capital Group illustra quattro motivi per cui vale la pena prendere in considerazione i mercati azionari giapponesi. 
  • Semiconduttori.jpg
    23/04/2019 4 Motivi per credere nei semiconduttori advisorprofessional Dopo anni di solida crescita dei ricavi e di forte domanda di processori, il settore dei semiconduttori si trova oggi a dover fare i conti con la sua natura ciclica. Ma non è il momento di disperarsi: dopo due anni di crescita era lecito aspettarsi un rallentamento come quello della seconda metà del 2018. A prova di ciò il team di Capital Group individua 4 punti per cui continuare a credere nei semiconduttori...