Il tempo è l'unico vero capitale che un essere umano ha, e l'unico che non può permettersi di perdere. Thomas Edison
avatar

07/12/2018

Tech Stocks: fine di un'era?

di Advisor Professional

La News

La panoramica

Gli esperti di Nordea AM affrontano il tema “tech stocks”:  i titoli del comparto tecnologico e social media hanno vissuto, a partire dal 2016, una frizzante risalita, registrando performance stellari soprattutto dopo le elezioni presidenziali statunitensi e la successiva nuova politica fiscale Usa. L’eccitazione degli investitori ha portato le cosiddette azioni FAANG (Facebook, Amazon, Apple, Netflix e Google) a rappresentare circa il 98% dell’espansione messa a segno dall’indice S&P500 nella prima metà del 2018. Questa irrazionale esuberanza ha fatto schizzare il rapporto prezzo/utili a livelli che non si vedevano dalla bolla delle dot-com, nonostante l’utile di alcune di queste società fosse in rosso e Facebook affrontasse un serio rischio regolatorio. Il team di gestione di Nordea AM evidenzia come Amazon e Netflix fossero tra le società con un multiplo prezzo/utili superiore a 80.

Cambio di paradigma?

Le tensioni commerciali, ricordano gli esperti di Nordea AM, hanno cambiato considerevolmente lo stato d’animo degli investitori, facendone scemare rapidamente la propensione al rischio. Le complicate trattative tra gli Stati Uniti e i loro partner commerciali, tra cui Cina e Canada, hanno infatti innescato dubbi circa le possibili conseguenze per la crescita globale e, in particolare, per i mercati emergenti, che sembrano essere particolarmente a rischio. Il risultato è stato un “flight to quality”, che ha premiato i mercati sviluppati e le società più difensive e con valutazioni meno estreme. La tendenza degli investitori a rifugiarsi in porti sicuri si è amplificata in ottobre, con il crollo dell’azionario globale. La rotazione settoriale, inoltre, ha continuato a caratterizzare sia i mercati sviluppati che quelli emergenti. Ma quali sono state le conseguenze per i titoli FAANG? Tutto questo si è riflesso sui titoli che con le loro elevate valutazioni sono incorsi in un nuovo crollo: Amazon e Netflix hanno perso circa il 20% in ottobre. Diversi altri titoli tech, colpiti da vendite ancora maggiori, hanno ceduto oltre un terzo della loro capitalizzazione di mercato, tra questi Facebook (-38%), Nvidia (-48%) e SNAP (-69%). 

Questo crollo rappresenta una semplice correzione o siamo di fronte a qualcosa di più grave? In questa tarda fase del ciclo economico, gli investitori hanno iniziato a rivolgere nuovamente la propria attenzione verso i titoli di elevata qualità, usciti dalla lista dei favoriti dopo le presidenziali Usa. Tali titoli, infatti, hanno il vantaggio di una limitata sensibilità al ciclo economico, unita a delle valutazioni più eque e a un business meno sensibile alle possibili scosse di mercato. Potremmo assistere a un’accelerazione di questo trend nel caso in cui il mercato andasse nuovamente fuori controllo, ma è difficile capire se la situazione sia più grave. Dal punto di vista tecnico, invece, secondo il team di gestione di Nordea AM è ora chiaro che le società high-tech, guidate dal comparto social media, sono entrate in una fase ribassista del mercato.

Gli esperti di Nordea AM sottolineano come dall’altro lato, si potrebbe dire che storicamente i livelli raggiunti dalle valutazioni hanno un peso e che azioni che scambiano a un rapporto prezzo/utili particolarmente elevato tendono a subire correzioni a prescindere da quanto sia innovativo il loro business o promettente il loro tasso di crescita. Per fare un esempio, nell’era delle dot-com AOL aveva raggiunto una capitalizzazione di 222 miliardi di dollari, con un multiplo di 80/100 volte il PER, per finire poi acquisita da Verizon nel 2015 per 4,4 miliardi di dollari.

 

 

Per l'approfondimento completo clicca qui!

 

#tech, vuoi saperne di più? Clicca qui!

CONTENUTI CORRELATI:
  • 10 anni dopo: il sentiment degli investitori
    05/12/2018 10 anni dopo: il sentiment degli investitori L'indagine condotta dal team di Natixis IM analizza la situazione a dieci anni dalla crisi finanziaria. Dalla ricerca emerge come, a dispetto del più lungo mercato rialzista di tutti i tempi, gli investitori si ritrovino coinvolti in tre riflessioni decisive.
  • Scelto per te: GS Global Multi-Asset Portfolios
    04/12/2018 Scelto per te: GS Global Multi-Asset Portfolios Advisor Professional torna con la rubrica di Goldman Sachs Asset Management (GSAM) "Scelto per te", il format studiato per illustrare in maniera sintetica e mirata le caratteristiche e i punti di forza dei principali fondi della gamma di offerta.
  • 20/07/2018 Carmignac - Investment Seminar Autunno 2018 - Milano Il team di Carmignac è lieto di invitarvi alla tappa dell'Investment Seminar che si terrà mercoledì 26 settembre 2018 a Milano, alle ore 10:30.
DALLO STESSO PARTNER:
  • emergenti+10.jpg
    23/05/2019 Consumismo verde: 5 punti per comprendere il fenomeno advisorprofessional Cosa si intende per "consumismo verde" e perché può rappresentare un vero punto di svolta per aziende e consumatori? Ce lo illustra in un approfondimento dedicato al tema Hilde Jenssen, Responsabile prodotto, Team specializzato in azioni fondamentali di Nordea AM...
  • tre+1.jpg
    17/05/2019 Nordea 1 - Global Stars Equity Fund spegne 3 candeline advisorprofessional Questo mese la gamma STARS, fiore all’occhiello delle soluzioni ESG di Nordea, taglia un importante traguardo festeggiando il terzo anniversario di Nordea 1 - Global Stars Equity Fund (il Fondo). Vuoi saperne di più? Ascolta il podcast a cura di Nordea AM...
  • gender-equality-culture.jpg
    13/05/2019 Nordea AM: 3 titoli all'avanguardia nella gender diversity advisorprofessional Si sente spesso parlare di gender diversity e di gender equality e di quanto sia importante integrare questo aspetto anche all'interno dei portafogli di investimento. Ma come scegliere davvero società che valorizzano al loro interno la differenza di genere? Ecco 3 esempi selezionati da Nordea AM...
  • usa-vs-cina.jpg
    08/05/2019 L’accordo USA-Cina: troppo bello per essere vero? advisorprofessional L’accordo fra Cina e stati Uniti dovrebbe essere siglato a Giugno e debitamente celebrato, tuttavia è poco probabile che durerà considerata l’eccessiva divergenza di obiettivi fra i due Paesi. Fa il punto sul tema Sebastién Galy, Sr. Macro Strategist di Nordea Asset Management.