Una giusta economia non dimentica mai che non sempre si può risparmiare; chi vuol sempre risparmiare è perduto. Theodor Fontane
avatar

09/06/2016

Le donne della consulenza finanziaria

di Raffaele Settimio

Sembra ieri, ma sono passati gia' 5 anni...


Oggi vorrei introdurre il tema: ruolo delle donne nel mondo del lavoro, con focus sul settore della finanza e della consulenza finanziaria. La donna, negli anni, ha acquisito sempre più importanza e spazio fino a raggiungere ruoli e cariche di alto livello. La finanza in generale, e la consulenza finanziaria in particolare, sono un ottimo esempio di mercati nei quali la percentuale di donne sta crescendo sensibilmente.


Personalmente lavoro con diverse donne, e devo ammettere che sono molto brave ed estrose nella gestione del tempo, il nostro migliore amico ed il nostro peggior nemico.

All'evento, moderato da Jole Saggese - Capo Redattore Class-Cnbc, hanno partecipato sei relatrici d'eccezione, che hanno presentato la propria esperienza personale e professionale:

- Roberta Crespi, Consigliere di Amministrazione Finanza & Futuro Banca
- Tiziana del Vecchio, Managing Partner di Management Search
- Giovanna Giurgola Trazza, Presidente Albo dei Promotori Finanziari
- Germana Martano, Direttore Generale ANASF
- Valeria Palumbo, Giornalista e scrittrice
- Paola Profeta, Professore Scienza delle Finanze all'Università Bocconi di Milano


Sono rimasto particolarmente colpito da Valeria Palumbo, giornalista vulcanica e molto attenta alla presenza femminile in Politica, Scuola, Economia. Per me è un piacere lavorare con le donne, il nostro ruolo di Consulenti deve migliorare tanto dal punto di vista relazionale, e le Donne sono avanti ;-)


Inoltre nella nostra realta' consulenziale le donne crescono in maniera esponenziale, da oramai 6 anni.



Albo Consob n°16178
tel 010585861, 3477947034
www.raffaelesettimio.it

Per commentare, se sei un Consulente Finanziario, iscriviti ad AdvisorProfessional oppure inserisci nome, cognome, email e società di appartenenza:
  • avatar ester compagnone

    Noi donne siamo diverse. A volte anche più esigenti verso noi stesse. Pensiamo di dover dare piu' dei ns colleghi uomini, perché in questo ambiente così al maschile, bisogna conquistarsi spazi, un po' alla volta con costanza e determinazione. Sono rimasta colpita, ieri, alla riunione commerciale con i miei colleghi, in cui si è parlato di una iniziativa sportiva" ovviamente al maschile", senza pensare che la stessa avrebbe potuto avere maggiore effetto se avesse coinvolto le donne. Pazienza, PICCOLE DONNE CRESCONO.
    11/06/16
  • avatar Raffaele Settimio

    Grazie a tutti per le risposte, evidentemente la questione è importante e merita un posto privilegiato nelle nostre discussioni anche professionali. Le capacita' delle Donne sono molteplici, ed i prossimi anni saranno importantissimi per far cambiare anche la mentalita' a tanti "maschi" di una certa eta' ;-). Buon Lavoro a Tutte e Tutti.

    10/06/16
  • avatar MARCO REGHENZI

    Sono contento di questo passo in avanti fatto dalle donne nella professione , speriamo che lo stesso spazio possa essere dato anche gli uomini in altri settori quesi esclusivamente  femminili (vedi la scuola) , mi dispiace che in certi contesti lavorativi sia dato poco spazio agli uomini. 

     

    09/06/16
  • avatar giuliana schirru

    AZIMUT CONSULENZA PER INVESTIMENTI SIM SPA

    Tanta strada si è fatta ma tanta ancora ne abbiamo davanti ma siamo tenaci e determinate oltrechè pazienti, equilibrate e rassicuranti. Queste sono caratteristiche che vanno bene e ci aiutano sia nell'approcciare quotidianamente il lavoro, per niente semplice sopratutto se "incastrato" con gli impegni familiari, ma anche nella quotidiana relazione col cliente.

    Se ci pensate "ascoltare, suggerire, consigliare "è ciò che facciamo da sempre anche nei nostri ruoli di madre e di moglie .... non trovate? ... si tratta quindi di abilità che abbiamo in parte innate o che comunque abbiamo sviluppato e che ora mettiamo a frutto anche nel nostro lavoro. 

    Mi rammarica che ancor oggi  nelle posizioni apicali la presenza delle donne sia scarsa .... E'  questa   la strada che come dicevo prima ancora è tanta da percorrere ... 

     

    09/06/16
  • avatar Caterina abbracciavento

    La strda da fare è tanta, la distanza da colmare rispetto ai colleghi maschi è davvero abbissale, ma abbiamo il fisico e lo spirito e ce la faremo.

    Fa piacere che si incominci a riconoscere il ns. valore.

    09/06/16
  • avatar raffaella paci

    Non sarei davvero cos' ottimista. La presenza di noi donne, nei posti che contano, è molto scarsa e ahimè continua ad esserlo! Ecco, Dr Settimio, Lei riceverà tanti messaggi di conferma su quello che ha scritto , ed io lo capisco! Tuttavia, facendo questo mestiere da quasi 30 anni, Le assicuro che sì, la presenza numerica è aumentata, ( ed io sono certa che le donne sono migliori anche in questo lavoro), ma il contesto è ancora fortemente maschile(-ista). Senza naturalmente alcun riferimento personale, visto che non ci conosciamo, io giudico i fatti e la realtà e non le definizioni verbali sulle nostre (supposte) qualità.    

    09/06/16
  • avatar Chiara Marinari

    Mi fa piacere che un nostro collega riconosca il ruolo delle donne in finanza che si evolve velocemente e ottimamente.

    Da sempre le donne sono abituate alla relazione con gli altri e proprio perchè hanno anche familiarità con le loro emozioni, la loro parte emotiva e relazionale con l'aggiunta di un po' di empatia, le facilitano nel rapporto con i loro clienti.

    Così si sanno relazionare bene, ponendosi sempre con quella giusta disposizione d'animo, con una certa pazienza, intuito femminile e soprattutto con l'ascolto attivo verso i bisogni del cliente, che così si sente compreso e acquisisce più sicurezza, sentendosi anche più protetto.

    Insomma modestamente siamo brave!

    09/06/16