Ogni fallimento è semplicemente un'opportunità per diventare più intelligente. Henry Ford
avatar

06/09/2017

Pragmatica dell'immagine: come scegliere cosa indossare per aumentare l’impatto comunicativo

di Elena Colombo



Luigi Settembrini disse che: 

Sapersi vestire con eleganza e personalità è come saper usare in modo non banale la parola.


Facile a dirsi, difficile a farsi, se si opera in una dimensione professionale dinamica e relazionale, in cui vestirsi implica variabili molteplici, i dress code sembrano più adatti alla vita in una multinazionale e l’idea di un’ “uniforme lavorativa” può rivelarsi frustrante per l’espressione personale.

Scegliere cosa indossare è come padroneggiare una lingua che aiuti a rapportarsi all’altro da sé. Maggiore è la quantità di vocaboli e presupposti conosciuti, più grande è la capacità di usare in modo impeccabile la parola, di dare l’intonazione più adatta alla conversazione e di padroneggiare il linguaggio con personalità.


Curare l’immagine è come gestire una comunicazione e considerare alcuni dettagli può aiutare.
 

1. Comunicazione digitale e analogica: le parole che utilizzi costituiscono il contenuto del messaggio, ma la tua immagine contribuisce a dargli forma inviando alcuni meta-messaggi che non avresti tempo o modo di raccontare a parole. Il tuo messaggio diventa più forte se questi aspetti sono allineati. Se, ad esempio, sottoponi a un cliente prodotti o servizi innovativi, padroneggi un linguaggio contemporaneo e internazionale, ti muovi in modo fluido ed energico, anche il tuo modo di apparire dovrà inviare gli stessi messaggi. Saluta quindi tutto ciò che appare rigidamente classico, inamidato o polveroso; 
 

2. Tono e prossemica: stabilire il livello di formalità (ossia l’agio, la confidenza e la distanza) da instaurare con l’interlocutore è un passaggio cruciale per scegliere abiti a supporto dell’approccio relazionale. Ciò che possiede una forma strutturata, linee dritte ed è connotato da colori freddi e tessuti secchi, contribuisce a mantenere confini precisi e a inaugurare uno scambio formale. Un tono empatico e la volontà di vicinanza, si tingono di tonalità calde o pastello e si vestono di forme morbide, tessuti fluidi e confortevoli; 
 

3. Contesto e interlocutori: se sintonizzi l’abbigliamento all’ora, al luogo di appuntamento e alle caratteristiche dell’interlocutore, sarà più semplice creare rapporti, esprimere la conoscenza dell’arte del buon vivere, rispettare le richieste implicite di alcune relazioni e riflettere la tua capacità di adattamento; 

 

4. Coerenza: la tua personalità è una guida autorevole e la tua immagine deve rifletterla. Ciò che per te è importante, le tue peculiarità, il tuo modo di vedere il mondo devono palesarsi nell’abbigliamento. Se sei una professionista che crede, ad esempio, che essere donna sia un valore aggiunto nel modo di operare, fai in modo che la tua parte femminile trovi spazio di espressione e di caratterizzazione. Il tuo cliente merita di incontrare la tua identità originale, non una copia.

 

Al di là degli aspetti pratici, vale la pena ricordare che lo stile è una questione di atmosfera, è la capacità di arrivare con un messaggio indimenticabile, che riesci a creare anche con la tua presenza.

 

Al prossimo articolo!

www.ecimmagine.com

Ultimi Post di questo blog

BUON VIAGGIO (SHARE THE BUSINESS)

“Buon viaggio, che sia un’andata o un...

Marisa Bellisario e il Personal Branding

Alla fine degli anni ’80, attraverso ...

LASCIA CHE SIA: FEMMINILITA’ E ABBIGLIAMENTO PROFESSIONALE

Come consulente di immagine, accompag...

Pir: non solo vantaggi fiscali!

I mercati sono entrati in una fase di...

ABBIGLIAMENTO E PUBLIC SPEAKING

Ogni volta che parliamo con qualcuno,...

E se quest’anno poi passasse in un istante?

Come dice Dalla “vedi amico mio come ...

Donna e borsa: piccola storia di un amore grande

Vi siete mai chieste perché noi donne...

Io "hygge" e tu? La via per un abbigliamento felice

Ho letto il libro “Hygge La via danes...

La carica dei PIR

A quasi un anno dal debutto dei Piani...

Le donne e la gestione del risparmio

La finanza è stata considerata fino a...

CONTENUTI CORRELATI:
  • Settembre riparte all’insegna dell’Educazione Finanziaria nelle scuole
    06/09/2017 Settembre riparte all’insegna dell’Educazione Finanziaria nelle scuole In Italia il fiore dell’Educazione Finanziaria ha appena cominciato a schiudersi. Anche se c’è consapevolezza istituzionale sul ritardo che il nostro Paese ha accumulato in ambito OCSE, il processo...
  • A tempo lento
    05/09/2017 A tempo lento Non c’è cammino troppo lungo per chi cammina lentamente, senza sforzarsi; non c’è meta troppo alta per chi vi si prepara con la pazienza. (Jean de La Bruyère)   Ormai per molti, anche se da pochi g...
  • Millennials e gestione del denaro: come risparmiare?
    05/09/2017 Millennials e gestione del denaro: come risparmiare? Gli errori che commettiamo purtroppo sono molti e variano in base all’età.   Così come i bisogni anche gli obiettivi cambiano o "evolvono" nel tempo; per far scelte oculate bisogna pertanto cambiar...
HOTTEST:
  • Nano.jpg
    15/02/2019 "Nanismo" 5 motivi per cui ne soffrono i consulenti finanziari Buona parte dei clienti che oggi si avvale di un consulente finanziario, ne ha almeno un altro che si prende cura del proprio patrimonio. E proprio questo è uno dei motivi, spiega Florentino, della mancata crescita del settore: insistere sulla stessa clientela. Ma come mai l’85% del mercato continua ad essere legato a doppio filo alla banca tradizionale e, soprattutto, di chi è la responsabilità di tale risultato? La professione soffre di "nanismo"?
    2
  • cassazione_200x140.jpg
    11/07/2013 Per la Cassazione il cliente ha sempre il diritto di recedere (quando è il pf a collocare il prodotto) Il cliente ha sempre il diritto di recedere dal contratto d’investimento qualora questo sia stato sottoscritto in caso di offerta fuori sede.
    33
  • DI CAPRIO.jpg
    30/01/2019 Ma il consulente finanziario, cosa fa? Sei sicuro che i tuoi clienti sappiano che cosa fa un Consulente finanziario? Probabilmente, se lo chiedessi a ciascuno di essi, rimarresti sorpreso delle differenti risposte e definizioni che riceveresti come risposta. Florentino non si limita ad indicare cosa fanno, nella pratica, i CF, ma suggerisce anche cosa dovrebbero fare, specie alla luce di un possibile "attacco" da parte dei robot-advisor...
    2
Per commentare, se sei un Consulente Finanziario, iscriviti ad AdvisorProfessional oppure inserisci nome, cognome, email e società di appartenenza: