I soldi tramutano la fedeltà in infedeltà, l'amore in odio, la virtù in vizio, il vizio in virtù, la schiavitù in dominio, la stupidità in intelligenza, l'intelligenza in stupidità. Karl Marx
avatar

13/02/2018

“Vi svelo il driver ora alla guida del dollaro”

di Advisor Professional

La News

L’economia globale al momento è molto solida e gli indicatori dell’attività economica appaiono particolarmente forti. E, secondo Keith Wade, Chief Economist & Strategist di Schroders, ci sono tuttavia un paio di segnali che suggeriscono il probabile raggiungimento del picco del tasso di crescita globale.

In particolare, il miglioramento del commercio globale cui si è assistito durante l’estate si è livellato e la crescita delle importazioni, specie in Cina, sta diminuendo.

Nel complesso l’attività globale rimane quindi buona, ma con alcune accortezze.

La principale minaccia al commercio globale, ricorda Wade, viene dal protezionismo.
Donald Trump ha annunciato dazi su lavatrici e pannelli solari. Ci sono preoccupazioni che la situazione possa peggiorare visto che i dazi stanno aumentando anche altrove.
Lo scenario più scontato è quello di un aumento delle barriere in entrata, che può causare una significativa stagflazione dell’economia mondiale.

Nel frattempo, il dollaro americano ha continuato ad indebolirsi, a vantaggio delle aziende americane.

Come spiegato dal Capo Economista, relativamente all'anno 2016, il biglietto verde "è cresciuto troppo"  e ora "si sta adeguando”.

La vera incognita per i mesi a venire è però rappresentata dai movimenti sui tassi che apporterà la BCE. Chiaramente, l’Eurozona ha fatto progressi e questo porta ad aspettarsi che il costo del denaro tenderà a crescere in un futuro abbastanza prossimo: “è il driver ora alla guida del dollaro”, ha concluso Wade.

CONTENUTI CORRELATI:
  • Azioni in calo?
    13/02/2018 Azioni in calo? 'Pausa per prendere fiato e punto d'ingresso' In due settimane i mercati azionari americani hanno perso il 10% circa, seguiti da quelli europei che hanno lasciato sul campo un po’ meno dell’8%. La domanda sorge spontanea: bisogna ricominciare ad aver paura? Risponde in 3 punti Olivier De Berranger, CIO di La Financière de l’Echiquier, in questo commento settimanale.
  • È ora di abbandonare l’investimento azionario?
    13/02/2018 È ora di abbandonare l’investimento azionario? Si potrebbe fare molto tardi e avere mal di testa il giorno seguente, ma la festa delle azioni globali pare essere ancora in pieno svolgimento. Gli analisti di Pictet AM ritengono che una delle strategie più efficaci consista nel bilanciare l’esposizione azionaria complessiva con titoli che partecipano in buona parte alle fasi rialziste del mercato, ma che denotano anche resilienza in periodi di ribasso.
  • Il quarto momento della verità
    12/02/2018 Il quarto momento della verità La volatilità espressa delle borse la scorsa settimana ha solo tre precedenti in questo ciclo di mercato: crisi greca, crisi Italia/Spagna e incertezza su Cina/Emergenti a cavallo tra 2015 e 2016. E’ il segnale che gli investitori si stanno interrogando su un nuovo tema, ovvero la resistenza dell’economia globale a tassi in rialzo...
DALLO STESSO PARTNER:
  • Schroders_Tom_Walker_play.jpg
    15/02/2018 Investimenti immobiliari: le 3 città da tenere monitorate advisorprofessional In questa pillola video di un minuto, Tom Walker, Co-Head of Global Real Estate Securities di Schroders, commenta i risultati dell’aggiornamento dell’indice Global Cities e rivela le 3 città più promettenti per i futuri investimenti immobiliari.
  • Schroders_Economic_Infographic_Gennaio2018.jpg
    06/02/2018 Reflazione, fine QE, rischi politici, bitcoin: come sarà il 2018 advisorprofessional L'economia globale in immagini nell'Economic Infographic di Schroders: l'aggiornamento delle previsioni macroeconomiche formulato dagli esperti della società questo mese include lo sviluppo dello scenario Goldilocks, gli effetti della fine del QE, il ritorno del rischio politico e alcune considerazioni sul bitcoin.
  • Schroders+view+multi-asset.jpg
    30/01/2018 Schroders: l'asset allocation di Gennaio 2018 advisorprofessional Di seguito l'aggiornamento mensile contenente le indicazioni di asset allocation formulate a Gennaio per Febbraio dal Team Multi-Asset di Schroders. Secondo gli analisti dell'asset manager inglese, il 3 è il numero perfetto per la prosecuzione di un contesto reflazionistico nel 2018 e la vera sorpresa dell'anno in corso potrebbe essere un calo dei rendimenti dei titoli di Stato rispetto a oggi.