Ogni fallimento è semplicemente un'opportunità per diventare più intelligente. Henry Ford
avatar

13/02/2018

Azioni in calo? 'Pausa per prendere fiato e punto d'ingresso'

di Advisor Professional

La News

In due settimane i mercati azionari americani hanno perso il 10% circa, seguiti da quelli europei che hanno lasciato sul campo un po’ meno dell’8%. Un fenomeno tanto inconsueto nella storia delle borse quanto le nevicate a febbraio negli annali del meteo in Europa, il cui ricordo è stato tuttavia cancellato dalla memoria degli investitori per via del clima di serenità che ha caratterizzato il 2017.

La domanda sorge spontanea: bisogna ricominciare ad aver paura?

Di seguito, in questo commento settimanale, una risposta in tre punti a cura di Olivier de Berranger, Chief Investment Officer di La Financière de l’Echiquier. 

Secondo il CIO di La Financière de l’Echiquier è opportuno, innanzitutto, esaminare l’ampiezza del movimento. Dal punto massimo a quello minimo, lo Stoxx Europe 600 ha ceduto l’8% circa. Se si considera che al momento della Brexit nel 2016 aveva perso oltre il 10%, più del 15% alla fine dell’estate 2015 per via dei timori legati alla Cina e oltre il 20%, per motivi analoghi, tra novembre 2015 e febbraio 2016, non si ravvedono quindi motivi per farsi cogliere dal panico”, chiosa senza remore De Berranger. Per confutare ulteriormente questa tesi si potrebbero anche ricordare il mese di settembre del 2014 (-10,9%) o di giugno del 2013 (-11,2%).

In secundis, è necessario considerare l’aspetto “tecnico”. Il “sell-off” ha interessato alcuni strumenti come gli ETF o i derivati utilizzati dalle strategie sistematiche più che i movimenti direttamente compiuti dagli investitori tradizionali. Gli è del resto stata impressa un’accelerazione dovuta alla liquidazione massiccia delle posizioni “short volatility” (che scommettono sul calo della volatilità dei mercati azionari). Negli ultimi mesi, queste posizioni erano andate accumulandosi in modo eccessivo e un ulteriore alleggerimento di queste strategie potrebbe alimentare un prolungamento del trend ribassista.

E per finire, sotto la lente passano le cause fondamentali: i tassi a lungo termine e l’inflazione. Ad aver scatenato questo movimento sono la forte risalita dei tassi a lungo termine negli Stati Uniti prima e in Europa poi, il concretizzarsi di tensioni inflazionistiche nettamente più forti che negli ultimi mesi e la prospettiva di un intervento più aggressivo da parte delle Banche Centrali sulla normalizzazione monetaria.
Dopo una breve pausa, questo movimento ha ritrovato nuovo slancio a seguito, tra l’altro, degli annunci della Banca di Inghilterra che ha paventato, nonostante la spada di Damocle della Brexit, la possibilità di un aumento più veloce e massiccio dei tassi ufficiali, coerentemente con la revisione al rialzo delle sue previsioni di crescita e di inflazione. 

In realtà, precisa De Berranger, questi aumenti dei tassi, così come la relativa accelerazione delle tensioni inflazionistiche, possono sorprendere dal punto di vista della tempistica e della rapidità, ma non di certo se si considera la loro coerenza rispetto all’andamento del ciclo economico.

Non va dimenticato che uno dei grandi interrogativi del 2017 era riferito alla bassa inflazione e all’incapacità, per gli economisti e per le Banche Centrali, di spiegare il fenomeno!”, ricorda il CIO. I tassi a lungo termine e l’inflazione ritornano quindi semplicemente ad attestarsi su livelli coerenti con il progredire dei cicli economici nelle varie aree.

Alimentato dai fattori dettagliati nel preambolo, il movimento potrebbe proseguire. Viste le sue cause, in ultima analisi potremo parlare di una gradita pausa per riprendere fiato e di un punto di ingresso che molti cercavano e non avevano trovato nel 2017”, conclude De Berranger.

CONTENUTI CORRELATI:
  • È ora di abbandonare l’investimento azionario?
    13/02/2018 È ora di abbandonare l’investimento azionario? Si potrebbe fare molto tardi e avere mal di testa il giorno seguente, ma la festa delle azioni globali pare essere ancora in pieno svolgimento. Gli analisti di Pictet AM ritengono che una delle strategie più efficaci consista nel bilanciare l’esposizione azionaria complessiva con titoli che partecipano in buona parte alle fasi rialziste del mercato, ma che denotano anche resilienza in periodi di ribasso.
  • Consulenti a prova di coach: l
    12/02/2018 Consulenti a prova di coach: l'Outlook 2018... da un'altra prospettiva! 2018? Sfida accettata, almeno da parte dei consulenti finanziari, consci però delle insidie dietro l'angolo. Cosa preoccupa gli operatori di un mercato finanziario al giro di boa? Per affrontare il cambiamento è necessario partire da sé stessi. In che modo? La parola alle esperte della Community di Advisor Professional.
  • Wall Street sull’ottovolante: come posizionare i portafogli
    12/02/2018 Wall Street sull’ottovolante: come posizionare i portafogli Dopo oltre un anno senza significative correzioni, i mercati azionari la scorsa settimana hanno evidenziato un marcato ribasso adattandosi ad aspettative di inflazione più alte. Una correzione, secondo Monica Defend e Vincent Mortier di Amundi AM, oramai dovuta. Quali strategie dovrebbero adottare gli investitori per cogliere le opportunità?
DALLO STESSO PARTNER:
  • We-People.jpg
    13/02/2018 Capitalismo per tutti: la conoscenza deve essere universale advisorprofessional Immaginare come sarà la nostra vita tra vent’anni è, nell’era della rivoluzione digitale, un esercizio rischioso. Come reinventare la nostra società in sintonia con questi sconvolgimenti che trasformeranno il nostro modo di lavorare, di vivere o anche di pensare? Risponde Didier Le Menestrel, Presidente e CEO di La Financière de l’Echiquier, nell’editoriale di febbraio 2018.
  • LFDE_Strategia_Investimento_2018.jpg
    07/02/2018 2018: ecco perché sarà l’anno dello stock-picking advisorprofessional Per le azioni, il 2017 è stato sereno e produttivo, con performance a due cifre nella maggior parte dei casi e una volatilità estremamente contenuta. Anche il 2018 lascia ben sperare? Hanno risposto gli esperti di La Financière de l’Echiquier durante la presentazione della Strategia di Investimento 2018 agli eventi di Milano e Roma, in cui hanno illustrato opportunità e rischi.
  • davos_World_Economic_Forum.jpg
    05/02/2018 Eurozone is back! advisorprofessional Durante il World Economic Forum di Davos la scorsa settimana, l’Eurozona è tornata alla ribalta sul palcoscenico dell’economia mondiale poiché nel 2017 ha registrato un tasso di crescita ben superiore a quanto atteso da OCSE, FMI, etc. Questo trend proseguirà nel 2018? Risponde Olivier de Berranger, CIO di La Financière de l’Echiquier, in questo commento settimanale.