La spesa pubblica in deficit è semplicemente uno schema per la confisca della ricchezza. Alan Greenspan
avatar

19/10/2016

Bancarie & Consulenti donne: il confronto

di Domenico SERMIENTO

Palazzo Caracciolo Napoli, 3 ottobre 2016

vi presento il tavolo di questa sera, ancora una volta tutto al femminile, nonostante sia stato aperto anche ai signori uomini.

 

Bancarie & Consulenti donne. Entrambe le figure professionali si occupano di consulenza a privati. Il tavolo è così composto: due colleghe consulenti ex Bancarie, due colleghe Bancarie, una collega consulente junior. 

Ci confronteremo sulle attività di consulenza nei due ruoli, contemplando eventuali differenze, punti di forza e di debolezza (ove sussistano).

 

Premessa

Il confronto che vi apprestate a leggere sembrerà crudo ma è tutto vero.

Il tema principale è stato, come si poteva immaginare, quello relativo alla vendita consulenziale che, per antonomasia, non può seguire regole di budgeting. Per questo motivo, molte delle considerazioni “critiche” manifestate dalle colleghe presenti ed oggi “dipendenti” sono proprio sul tema budget.

Il cambiamento prevede secondo il mio “modus operandi”, un percorso lungo e è condizionato da tanti fattori, inclusa la famiglia che unitamente al professionista, è parte integrante nel cambiamento stesso.

Buona lettura!

 

La parola alle due bancarie dipendenti della stessa azienda

 

  1. Qual è la vostra anzianità di servizio?
    Anni 30, circa.

     
  2. Qual è il modello organizzativo nella vostra banca?
    Filiali orientate alla "consulenza" e filiali vecchio modello. Un caos. Il cliente trova gli stessi servizi ma in ambienti completamente diversi e non comprende il cambiamento che risulta - a questo punto - solo parziale.

     
  3. Come è costituito il portafoglio?
    Numero clienti elevatissimo, percentuale preponderante over 65.

     
  4. Livello di cultura finanziaria dei clienti?
    Molto basso. Se dovessimo spiegare per bene cosa stiamo proponendo impiegheremmo troppo tempo e non lo abbiamo.

     
  5. Il Budget?
    Nessuna pianificazione finanziaria, cerchiamo di collocare le cose piu giuste ai clienti…dalla polizza auto ai diamanti, passando per i fondi e le polizze finanziarie.

 

 

La parola ad una delle due ex bancarie (ad oggi consulente)

 

  1. Qual è la sua anzianità di servizio?
    Anni 30, circa

     
  2. Dalla Banca alla consulenza finanziaria, ci racconti l’inizio, il durante e il dopo.
    Assunta in direzione Generale, poi con gli anni, per via della chiusura uffici e ridefinizione dei ruoli, sono passata alla rete filiali fino ad assumere il ruolo di gestore privati. Modelli e progetti cambiano continuamente ma il lavoro è invariato. Dopo aver sostituito il Direttore della mia filiale per lungo tempo e dopo circa 20 anni, sono stata ceduta insieme alla filiale ad altra banca, il nuovo vertice mi ha ringraziata per quanto svolto e mi ha reindirizzato ad un ruolo commerciale.

    La degenerazione, nel tempo, del modello “banca tradizionale” e la mia personale esperienza all’interno, mi hanno portato a maturare la decisone di cambiare.

    La persona o meglio "il manager" con il quale mi sono confrontata, ha "favorito" la mia decisione di lasciare la banca, ha saputo supportare i miei dubbi, le mie incertezze e rispondere alle mie domande in modo concreto.

    Sono riuscita a trasferire in meno di 2 anni il 30% del mio portafoglio e ho svoltato.

    La gestione del tempo è mia al 100%. Oggi supporto i miei clienti in maniera concreta, la cosiddetta gestione dell'emotività. Il mio cliente condivide ed è consapevole delle scelte operate in fase di pianificazione finanziaria.

    Sono serena, nessun rimpianto e soprattutto sono libera da budget vari.


 

Prende la parola l'altra consulente ex bancaria

 

  1. Dalla Banca alla consulenza finanziaria, ci racconti l’inizio, il durante e il dopo
    Assunta nel 1992 al front office "cassa"; in seguito cambiamento da filiale piccola a filiale molto grande per ricoprire il ruolo di segreteria affari generali - tesoreria. In relazione ai vari cambiamenti organizzativi, ho ricoperto il ruolo di gestore privati. In seguito, anche  io ho vissuto la cessione verso un'altra banca. Nulla da eccepire sulla nuova esperienza, poi il cambiamento, l'iscrizione all'albo e la "riorganizzazione" del mio lavoro con la possibilità di gestire il mio tempo ma soprattutto di lavorare bene e in chiaro.

 

La parola alla consulente junior

 

  1. Qual è il suo percorso professionale?
    Ho studiato all'estero, Londra. Il mio obiettivo, da sempre, era di occuparmi e gestire patrimoni di clienti.

     
  2. Come sei approdata nel mondo della consulenza finanziaria?
    Sono sempre stata attratta dalla libera professione, sentirmi libera di scegliere. Tra la banca e la consulenza finanziaria, non ho avuto dubbi. Vivo in maniera serena il mio ruolo.

     
  3. Trova ci siano differenze tra il cliente banca e il cliente di un consulente?
    Ho avuto modo di analizzare portafogli di clienti banca, e credetemi, non hanno consapevolezza degli strumenti finanziari in portafoglio. Nessun conflitto di interesse nella mia attività. I clienti che seguo hanno una fascia di età compresa tra i 30 e i 50 anni.

 

Work in progress Milano
 

E ricordatevi: #personemainumeri

Ultimi Post di questo blog

CONTENUTI CORRELATI:
  • Il valore sociale del consulente finanziario. Dentro e fuori l’ambito professionale.
    07/10/2016 Il valore sociale del consulente finanziario. Dentro e fuori l’ambito professionale. Quale attività di volontariato svolgete? Pensate che il vostro ruolo come consulente via abbia aiutato nel realizzare i vostri progetti di solidarietà, oppure preferite tenere separati i due ambiti?
  • Quando il gioco si fa duro
    06/10/2016 Quando il gioco si fa duro “Maestro, qual è il migliore investimento?” “La domanda è sbagliata, forse volevi dire ‘che ore sono?’”.   Così rispondeva il guru-cialtrone Quélo quando la domanda era troppo impegnativa. Eppure l...
  • Obtorto collo
    05/10/2016 Obtorto collo Ieri mi hanno riferito di una anziana signora sorpresa a piangere in strada, nel mio quartiere, mentre lentamente trascinava il carrello della spesa. Una persona di cuore si è avvicinata, chiedendo...
HOTTEST: